Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Sintesi del Kiwifruit Quality Summit

Trasformazioni tecnologiche in un’industria del kiwi in evoluzione

"Viviamo in tempi difficili".

Questo è ciò che David Tanner, amministratore delegato della Start Afresh Ltd., ha dichiarato all'ultimo Quality Summit del 2021, incentrato sulla categoria dei kiwi e ospitato dalla Hazel Technologies Inc.

Tanner ha aperto il Summit virtuale delineando le maggiori sfide che l'industria del kiwi sta affrontando attualmente. "C'è stata una crescita diffusa nell'industria del kiwi neozelandese, in particolare negli ultimi 10 anni, da quando il nostro settore è stato colpito dal batterio Pseudomonas syringae pv. actinidiae (Psa)", dice Tanner. "La pandemia di Covid-19 non aiuta le aziende e le attività. Abbiamo una carenza di manodopera: i lavoratori temporanei di solito ci vengono in aiuto, ma non ce ne sono molti. Siamo anche limitati nelle spedizioni".

Il bisogno di tecnologia
Questa situazione spinge l'industria actinidicola a continuare a impegnarsi nell'innovazione e nell'automazione, cercando iniziative per la riduzione del fabbisogno di manodopera, comprese le fasi di pre e post-raccolta. "C'è un reale bisogno di adottare rapidamente nuove tecnologie per i kiwi", aggiunge Tanner.

Sulla base di questo, Tanner parla del rapporto tra il confezionamento in atmosfera modificata (MAP) e la tecnologia 1-MCP prodotta dalla Hazel. "Con un sistema di confezionamento sigillato, si ottengono tutti i tipi di vantaggi: uno è il fatto che il vapore acqueo viene trattenuto e l’atmosfera modificata aiuta a rallentare il tasso di respirazione del prodotto. La sigillatura è stata utilizzata su una varietà neozelandesi di kiwi", afferma Tanner. "E le valutazioni sulla shelf life mostrano che la frutta conservata in MAP continua normalmente a maturare, una volta fuori dal sacchetto".

Tuttavia, non vanno perse di vista anche altre difficoltà. "I kiwi sono uno dei frutti più sensibili all'etilene: quindi è necessario utilizzare la tecnologia per evitare che questo gas si accumuli nella confezione", afferma Tanner. Pure la gestione della catena del freddo e la protezione della sua integrità costituiscono fattori fondamentali.

Panel sul kiwi: Allan Clover (in alto a sinistra); Dwayne Farrington, responsabile tecnico – Kiwifruit and Subtropical Crops presso Farmlands Co-operative Society Limited (in alto a destra); Josh Inglis, direttore della Inglis Packers Limited (in basso).

Affrontare le sfide
Tuttavia, Tanner fa notare anche che la tecnologia 1-MCP, inibitore dell’etilene, e il sistema MAP, presentano ulteriori sfide. "Riguarda il modo in cui colpisce i diversi tessuti all'interno del frutto, a seconda delle varietà. Quando trattiamo alcune delle nostre varietà con 1-MCP, i tessuti maturano a velocità diverse, perché il frutto continua a maturare dopo il trattamento", dice Tanner. In particolare, si può trovare un cuore più duro, nel frutto, che non è sempre gradito dai consumatori. "Stiamo ancora lavorando per cercare di risolvere questi problemi", dice Tanner.

La sessione è proseguita con una tavola rotonda sulla qualità e sull'innovazione pre-raccolta: la discussione si è spostata sull'uso dei regolatori di crescita delle piante, che aiutano a far germogliare i frutti in modo uniforme. (Hazel produce Hazel Trex, una tecnologia pre-raccolta che aiuta ad aumentare le rese, ottimizzando i tempi di dormienza delle piante, interrompendoli se necessario).

Intuito
Tuttavia, Allan Clover, dei servizi ai coltivatori della Mount Pack & Cool, osserva che se gli sviluppi scientifici possono migliorare i risultati del germogliamento e della fioritura e produrre raccolti migliori, anche le "intuizioni" hanno un loro ruolo. "Utilizzo ancora il mio intuito, insieme alla scienza, perché quando usi Hazel Trex, il sistema ti dà una cronologia o un possibile giorno di impiego. Ma non include le condizioni meteo in arrivo. In questo caso, utilizzo il mio istinto: stiamo raccogliendo in tempo? Dovremmo posticipare?" Clover dice che: "Il tempismo è importante, perché non vogliamo un'ampia finestra di fioritura. Gold3 tende a farlo, quindi vogliamo concentrare questa finestra per ridurre i costi di manodopera per il diradamento del frutteto".

Il direttore dello sviluppo aziendale-agtech della Hazel Technologies, Mario Cervantes ha anche osservato che l'applicazione ottimale di tecnologie come la Hazel Trex aiuterà ad affrontare le sfide relative al fabbisogno di manodopera. "Hazel Trex misura gli indicatori genetici che la pianta stessa esprime mentre si avvicina alla fine della dormienza. Aiuta a ottimizzare le interruzioni della dormienza, al fine di massimizzare il potenziale e raggiungere una maggiore uniformità di germogliamento, il rapporto tra fiori reali e fiori laterali, con costi di diradamento inferiori", aggiunge Cervantes.

Per maggiori informazioni:
Jaime Kedrowski
Hazel Technologies
Tel: +1 (559) 321-2146
jaime@hazeltechnologiesinc.com        
www.hazeltechnologies.com  


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto