Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Agricoltura globale: conseguenze dell'impennata dei prezzi dei cereali sul settore orticolo

L'impennata mondiale dei prezzi dei cereali sta scuotendo anche il settore ortofrutticolo. Nell'autunno di quest’anno, infatti, molti produttori hanno convertito le loro coltivazioni da orticole a cereali, diffondendo il timore di una carenza di ortaggi.

Cause
Il 15% dei produttori ha già fatto questa scelta, secondo Jean-Claude Orhan, produttore di ortaggi nel dipartimento del Morbihan e presidente dell'organizzazione dei produttori di ortaggi della grande cooperativa bretone Eureden (fusione di Triskalia e Aucy). Il 15% di 1.000 produttori non è un numero trascurabile, anzi è piuttosto preoccupante. Questa organizzazione coltiva 21.000 ettari di ortaggi e produce 250.000 tonnellate all'anno, principalmente per i produttori di prodotti in scatola e surgelati.

Rischi legati al meteo
L'attuale impennata dei prezzi del grano ha causato questo riequilibrio. Ma non è l'unico fattore, secondo Jean-Claude Orhan. "Abbiamo avuto per diversi anni dei rischi legati al meteo. Negli ultimi due anni, la semina dei fagiolini a giugno ha dovuto essere interrotta per 15 giorni. Di conseguenza, ad agosto non abbiamo potuto raccogliere per 10 giorni. Anche gli impianti di surgelazione e conservazione di Eureden hanno dovuto interrompere la loro produzione. Nel 2021, è mancato il 20% dei nostri volumi di fagiolini".

Rischi sanitari
"Oltre al clima, abbiamo dovuto fare i conti anche con i rischi sanitari. Le possibilità di proteggere le nostre colture sono sempre più ridotte. Impegnati da diversi anni nella transizione agro-ecologica, i produttori orticoli, anche convenzionali, utilizzano sempre meno prodotti chimici. Ma non abbiamo alternative, nessuna protezione. Un vicolo cieco".

Ad esempio, per quanto riguarda i fagiolini, la mosca della piantina (Delia platura) depone le larve che mangiano i germogli, distruggendo il lotto. "Solitamente utilizziamo delle protezioni, ma oggi siamo in balia degli insetti nocivi, tanto che, nel 2021, l'organizzazione ha perso il 30% dei suoi soliti volumi".

Meno rischi, più profitti
Infine, c'è stata l'impennata dei prezzi dei cereali: +45% per frumento e mais, +70% per la colza. Per non parlare dell'aumento dei costi: +10% per energia e input, +40% per i fertilizzanti. Questo è sufficiente per far sì che anche gli agricoltori esitanti passino a colture meno rischiose e più redditizie. Già 150 produttori Eureden hanno compiuto questo passo, nonostante la rete di sicurezza della forte contrattualizzazione di questo settore.

"Siamo preoccupati per il raccolto 2022. Ci aspettiamo un'altra perdita di circa il 15%", dice Jean-Claude Orhan, sottolineando che sta diventando difficile fare previsioni. Dopo 10 anni di profitti, la produttività è ora in costante diminuzione. Per soddisfare la domanda dei produttori e ottenere gli stessi volumi, i produttori devono ora coltivare più ettari.

Circolo vizioso
Il calo dei volumi dovrebbe far salire i prezzi degli ortaggi. Questo fenomeno non riguarda solo l'Occidente: è ancora più evidente nelle pianure con vaste coltivazioni altamente meccanizzate. Non è il caso della ‘Ceinture dorée’ della Bretagna settentrionale.

"Le nostre colture non sono molto meccanizzate, richiedono molta manodopera, che rappresenta fino al 40% del prezzo dell'ortaggio finale", secondo Marc Kéranguéven, presidente della Sica di Saint-Pol-de-Léon (Finistère). La sua organizzazione è stata quindi meno colpita rispetto al settore degli ortaggi trasformati, dove è molto più facile cambiare produzione.

Marc Kéranguéven prevede che, se i prezzi dei cereali dovessero continuare a salire ancora per diversi anni, alcuni produttori potrebbero essere tentati di abbandonare per sempre la coltivazione di ortaggi.

Fonte: ouest-france.fr 


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto