Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Tesco vuole colmare il divario nel salario minimo nel settore banane

Tesco si è impegnata a fare sì che nella catena di approvvigionamento delle banane del Regno Unito, tutti guadagnino un salario di sussistenza, con l'obiettivo di incrementare la paga dei produttori a partire dall'inizio del prossimo anno.

Giles Bolton, direttore del Responsible Retail Sourcing, ha annunciato quattro impegni volti ad aiutare i fornitori ad assicurarsi un salario di base che sia adeguato a soddisfare le esigenze primarie di una famiglia, compresi cibo, alloggio, istruzione, assistenza sanitaria, trasporto e abbigliamento.

L'impegno a corrispondere il divario del salario minimo ai produttori di banane equivalente ai volumi ottenuti entrerà in azione a partire da gennaio 2022; oltre a garantire che i produttori abbiano un impegno vincolato nel tempo per pagare a tutti i lavoratori un salario minimo di sussistenza e premiare i fornitori che fanno continui progressi nel colmare il divario con volumi più alti.

A partire da gennaio 2024, Tesco acquisterà solo banane da produttori che pagano un salario minimo a tutti i lavoratori, indipendentemente dai volumi prodotti.

Dal 2017, il più grande supermercato del Regno Unito acquista tutte le banane che vende nel Regno Unito e in Irlanda da piantagioni certificate Rainforest Alliance o Fairtrade. Tuttavia, questi due schemi di certificazione non garantiscono che i lavoratori guadagnino un salario minimo di sussistenza.

Bolton ha dichiarato che l'azienda ha collaborato con i partner del settore, tra cui il World Banana Forum e l'IDH, per stabilire dei parametri di riferimento per il minimo salariale in tutti i principali paesi produttori di banane e per sostenere lo sviluppo di strumenti per i fornitori, adatti a misurare i divari nel salario minimo.

"Secondo l'ultima serie di dati, la metà dei nostri fornitori paga già un salario minimo a tutti i lavoratori - ha detto Bolton - Il divario del salario minimo dei restanti fornitori varia dal 2 al 18%; ma in molti casi solo una piccola parte dei lavoratori ha un guadagno al di sotto del parametro del salario di sussistenza".

"Ecco perché ci impegniamo a incorporare il salario minimo nelle nostre pratiche di acquisto e a lavorare insieme ai nostri partner fornitori a lungo termine per colmare nel tempo le lacune del salario minimo".

Fonte: ezanime.net 


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto