Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

I melicoltori serbi devono adattarsi ai cambiamenti del mercato e all'abbondante raccolto europeo

Le mele rappresentano un terzo della produzione frutticola della Serbia. Poiché la raccolta delle mele è quasi terminata, i primi segnali mostrano rese più elevate, con un aumento di circa il 5% anno-su-anni.

Zoran Keserovic, esperto di mele e professore presso la Facoltà di Agraria di Novi Sad, prevede che la Serbia avrà tra 530.000 e 540.000 tonnellate di mele, quest'anno, e stima che, nel 2021, l'esportazione totale di frutta potrebbe essere compresa tra 550 e 560 milioni di dollari, leggermente inferiore rispetto al 2020.

Tuttavia, i produttori di mele serbi dovranno affrontare una seria concorrenza sui mercati di esportazione tradizionali. Solo i produttori con frutta di alta qualità potranno contare su vendite veloci e prezzi buoni. Anche i coltivatori di mele di tutta Europa hanno avuto una buona annata e si aspettano rese superiori del 10%, per un totale di 11,3 milioni di tonnellate di prodotti nell'Ue.

Ci sono anche molte mele invendute dell'anno scorso. "Ecco perché mi aspetto una campagna difficile e penso che qualsiasi prezzo superiore a 30 centesimi di euro al chilogrammo sia un buon prezzo di vendita", ha detto il professore a agroberichtenbuitenland.nl.

Attualmente, c'è una battuta d'arresto sul mercato. Questo può essere un problema per i produttori che non hanno capacità di stoccaggio. "Per gli altri che hanno refrigeratori/celle refrigerate, e in Serbia ce ne sono molti, la mia raccomandazione è di conservare la frutta", ha concluso il professore.


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto