José Tomás, direttore generale della Frutomás

Spagna: carenza o eccedenza di kaki? Solo l'andamento dei consumi potrà dirlo

Il calo nella produzione di kaki nel Levante spagnolo, dove si trova la maggior parte delle piantagioni (in particolare nella regione valenciana di Ribera Alta), sarà il fattore determinante di questa stagione. Tuttavia, come osservato negli ultimi mesi con i frutti estivi, il volume prodotto non è l'unico elemento determinante nello sviluppo di una stagione.

"E' vero che, in generale, la campagna potrebbe concludersi prima, ma se ci sarà una carenza di kaki dipenderà esclusivamente dalla domanda dei consumatori. Se ci sarà consumo, ci sarà carenza di frutta sul mercato, ma se non ci sarà, ci sarà un’eccedenza di kaki, anche se la produzione dovesse diminuire", dice José Tomás, direttore generale della Frutomás.

"La dimostrazione è la campagna delle drupacee: ci sono state perdite del 30-40% e, nonostante ciò, non è stata segnalata una carenza di frutti. L'unica cosa che è accaduta è che i prezzi sono saliti e i consumatori hanno acquistato frutti diversi dalle drupacee. Anche la stagione delle angurie è stata impegnativa, in questo senso, perché a causa del freddo non c'è stato consumo", afferma José. Nel caso delle angurie, la mancanza di consumo ha coinciso con una stagione in cui sia Castiglia-La Mancia che Almeria hanno registrato un aumento della superficie di coltivazione".


Kaki commercializzati con il marchio Le Pop della Frutomás.

In ogni caso, in questa campagna il calo della produzione frutticola nella regione di Valencia è inevitabile. "Oltre a un'azienda agricola in Andalusia, abbiamo campi di kaki nelle zone di Turia, La Ribera e Carlet, dove abbiamo subito una perdita della nostra produzione tra il 35% e il 40%, a causa dell'impatto della grandine e del parassita della cocciniglia", dice José.

L'importanza della promozione
Nella comarca della Ribera Alta, l'importanza dei kaki va oltre il volume di produzione raggiunto nei suoi frutteti. La regione coltiva l'unica varietà al mondo di kaki a essere riconosciuta e protetta, dal 2001, con una denominazione di origine (DOP): il Kaki de la Ribera del Xúquer.

I prodotti a marchio di qualità differenziata (DOP e IGP) saranno i protagonisti della nuova campagna promozionale cofinanziata dall'Unione europea per i prossimi tre anni, lanciata per avvicinare i consumatori a questi alimenti riconosciuti a livello comunitario per la loro qualità e provenienza geografica.

"Iniziative promozionali come questa sono fondamentali per far conoscere meglio i prodotti e stimolarne il consumo", afferma José Tomás, un pioniere nella promozione dei kaki nelle scuole della sua regione, avvicinando così il frutto ai bambini più piccoli. "Vorrei condividere un ricordo. Venticinque anni fa, circa 1.000 persone sono morte in incidenti stradali, ma dal lancio delle campagne di sensibilizzazione sull'uso delle cinture di sicurezza, il numero delle vittime si è ridotto quest'anno a solo 191. Pertanto, se i governi, le regioni autonome, le catene di distribuzione e gli esportatori facessero di più per promuovere i loro prodotti (e non solo i kaki), ci sarebbe un consumo maggiore. Non dobbiamo dimenticare che l'attenzione deve andare al consumatore", afferma José Tomás . "Ecco perché, ripeto: se ci sarà consumo, avremo una carenza di kaki, ma se non ci sarà, non avremo eccedenze, pur producendo il 40% in meno".

Per maggiori informazioni:
José Tomás
Frutomás
Calle Santander, 6. Apdo.183
46190 Riba-roja de Túria, Valencia, Spain
Tel.: +34 962 779 262
info@frutomas-export.com
www.frutomas-export.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto