Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Funghi Portobello francesi: un settore in crisi

Tradizionalmente, i funghi Portobello venivano coltivati in cave di calcare, ma oggi la loro produzione è decisamente cambiata.

"L’attività viene svolta ora in magazzini isolati gestiti da computer. Controlliamo tutte le temperature e i livelli di umidità. Il computer fa tutto", spiega Angel Moioli, produttore di funghi nelle cave sotterranee di Evecquemont.

I funghi Portobello sono ormai difficili da coltivare, nella regione dell'Ile-de-France, perché la preziosa miscela di letame e calcare in cui crescono sta diventando sempre più difficile da trovare. Anche l'urbanizzazione si è indebolita, e alcune cave hanno chiuso, mentre aumenta la concorrenza straniera.

"Il fungo polacco, ad esempio, mostra segni evidenti dei danni subiti durante il trasporto. Se lo si taglia, l'interno inizia subito ad annerirsi, e non emana alcun odore. Tagliando il nostro, si sente almeno un buon odore di funghi, e di terreno. E' davvero un fungo rosa e sodo, con un buon sapore".

Sono rimaste solo 5 produzioni tradizionali, nell’Ile-de-France. Per questo la regione ha creato un settore per sostenerli: il Safer Mushroom Sector. "L'obiettivo è produrre più funghi, avere più coltivatori, sviluppare un maggiore interesse in questa produzione, riabilitare le cave", in modo che chiunque sia interessato possa farsi avanti prima che il know-how dei produttori dell'Ile-de-France scompaia sotto il calcare.

Fonte: lci.fr  


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto