Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Al via la stagione turca

Ogni anno, aumento costante dei volumi di kiwi

La stagione dei kiwi turchi è iniziata e, come ogni anno, la Turchia ha registrato un aumento della sua produzione frutticola. Nonostante la produzione locale non sia in grado di soddisfare completamente la domanda turca, alcuni dei frutti vengono esportati anche nei Paesi europei. Secondo un esportatore, la notorietà del kiwi turco è aumentata rapidamente.

Coskun Eren, responsabile marketing dell’azienda d’esportazione Eren, afferma che la stagione dei kiwi è iniziata e accelererà nelle prossime settimane: "Finora sta andando bene. La stagione è appena iniziata nella provincia di Mersin. La nostra regione principale per il kiwi, Yalova, dovrebbe iniziare intorno alla seconda o terza settimana di ottobre. Ci sono anche i kiwi della costa del Mar Nero, nella regione di Rize, che inizieranno leggermente in ritardo, dopo Yalova. Il volume è abbondante e non ci sono ancora problemi di qualità che valga la pena riportare.

"I kiwi inizieranno a essere immagazzinati verso novembre, e prevediamo che la maggior parte del volume la riceveremo entro la metà di dicembre. Prevediamo di continuare a spedire il prodotto stoccato fino ad aprile 2022. Il kiwi tende a perdere la sua compattezza quando immagazzinato oltre tempo. Pertanto, per i programmi a lungo termine, vorremmo chiudere le trattative a novembre, per garantire un buon prodotto anche nelle spedizioni successive da febbraio ad aprile".

Negli ultimi anni, i coltivatori turchi di kiwi hanno aumentato la loro produzione di frutta, spiega Eren. "In Turchia, si registra un aumento costante delle piantagioni di kiwi. Il trend è in continua crescita e quindi anche quest'anno i volumi sono in aumento. Il clima è stato piuttosto secco in Turchia nel 2021. Il kiwi ha bisogno di molta acqua. Prevediamo alcune carenze nella regione precoce Mersin-Cukurova, ma le ultime regioni principali, Yalova e Rize, hanno avuto una stagione invernale migliore, quindi non ci aspettiamo grandi problemi in queste regioni. Il riscaldamento globale sta colpendo tutti noi e dobbiamo prepararci meglio se vogliamo essere competitivi nella produzione di kiwi per i prossimi dieci anni".

Eren dice che proprio come il Paese registra una crescita annuale dei volumi, anche l'azienda ha aumentato la produzione e i quantitativi d’esportazione: "Come azienda, ogni anno registriamo un costante aumento dei volumi di kiwi, aggiungendo nuovi clienti e Paesi. Il nostro obiettivo è fare del kiwi uno dei nostri prodotti principali, resistente durante il trasporto e facilmente conservabile, una buona combinazione per noi. Abbiamo un forte mercato interno dei kiwi e puntiamo a raggiungere volumi simili o maggiori anche nelle esportazioni. Abbiamo il prodotto, l'esperienza, le macchine e lo stoccaggio, quindi perché non estendere le attività di vendita anche all'export? Gli importatori stanno scoprendo il kiwi turco e noi abbiamo molto da offrire. Ogni volta che dico che abbiamo dei kiwi e mando una fornitura, tutti rimangono sorpresi e sono molto curiosi di provarli".

L'anno scorso, Eren si è impegnato in una campagna di promozione del kiwi turco che, secondo lui, è stata un successo, come dimostrano i programmi che sono stati realizzati in questa nuova stagione.

"L’attività di promozione del kiwi turco sta dando buoni risultati. Ci arrivano richieste di kiwi dall'Italia, dal Regno Unito e da molti altri Paesi dell'Ue, e con programmi stabili e duraturi. Anche la Bielorussia e la Russia sono piuttosto interessate. Abbiamo riempito alcuni camion di prova ed effettuato delle spedizioni parziali l'anno scorso. Tutti sono rimasti abbastanza soddisfatti. Al momento abbiamo tre programmi a lungo termine davanti a noi, e le trattative sono ancora in corso. Invitiamo chiunque voglia provare il kiwi turco a contattarci. Siamo un'azienda con 27 anni di esperienza e specializzata nei programmi di vendita al dettaglio e nella fornitura costante".

Poiché i kiwi sono molto popolari sul mercato locale, i prezzi dipendono dalla domanda dei consumatori turchi. "La quantità di kiwi prodotta dalla Turchia non può sostenere la domanda locale, motivo per cui il Paese importa kiwi. Ciò significa che i prezzi sono fortemente influenzati della domanda locale. Le quotazioni dovrebbero registrare un aumento di circa il 20-25% rispetto allo scorso anno, a causa del forte aumento dei costi d’importazione per materia prime e fertilizzanti. Inoltre, il tasso di cambio tra Lira turca ed Euro, è sceso di circa il 10% rispetto allo scorso anno, quindi prevediamo che i prezzi per l'export saranno superiori di circa il 10-15%, sempre rispetto allo scorso anno. Ciò significa che la messa in sicurezza anticipata di programmi e prodotti offre un vantaggio al cliente, poiché in seguito anche i costi di stoccaggio inizieranno a crescere", conclude Eren.

Per maggiori informazioni:
Coskun Eren
Eren Tarim
Tel: +90 533 695 5802
Email: coskun@erentarim.com 
Web: www.erentarim.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto