Fabrice Afloukou, fitopatologo e specialista in patologia degli agrumi

Situazione dell'agrumicoltura in Benin

L'arancia è il principale agrume prodotto in Benin (Africa occidentale). Dopo la banana, è anche il secondo prodotto più coltivato e commercializzato nel Paese. Le arance sono molto popolari sul mercato locale per via dei molti enzimi, vitamine e minerali che contengono. Sono particolarmente popolari tra la gente musulmana del Paese, durante il mese di Ramadan per la rottura del pane (Iftar).

Il cambiamento climatico ha già avuto un forte impatto sul settore, con un'abbondanza di piccoli calibri e rese sempre più limitate negli ultimi decenni. Ma la produzione in Benin risente soprattutto di una serie di fattori che ne ostacolano lo sviluppo. La resa dell'arancia ha raggiunto a malapena 1,46 tonnellate/ha nel 2019, la quarta resa più bassa del mondo.

Fabrice Afloukou, fitopatologo specializzato nella patologia degli agrumi, ha ottenuto il suo dottorato presso l'Università di Çukurova (Turchia) ed è ora assistente di ricerca presso il Laboratorio di fitotecnologia, miglioramento e protezione delle piante (Facoltà di agronomia/Università di Parakou). Ha voluto condividere le sfide e le prospettive della coltivazione degli agrumi in Benin.

Fabrice M. Afloukou

Lo stato sanitario attuale dei frutteti è poco conosciuto in Benin
"Ovunque nel mondo, la produzione di agrumi è generalmente limitata da un certo numero di malattie che hanno conseguenze economiche importanti. Questo è in particolare il caso delle malattie causate da parassiti necessari - virus, viroidi, micoplasmi", spiega il dottor Fabrice Afloukou.

"In Benin, lo stato sanitario attuale dei frutteti è poco conosciuto. I sintomi del virus della Tristeza degli agrumi, il più temuto, sono stati segnalati nella maggior parte del Paese negli anni '70. Il Benin ha effettivamente affrontato massicce infezioni da questo virus in passato. Gli insetti vettori (Aphis gossypii e Toxoptera aurantii) sono presenti negli agrumeti del Paese. Inoltre, il virus è stato recentemente segnalato in abbondanza in alcuni stati nigeriani (Ogun, Osun, Oyo e Lagos), vicino alle zone di produzione del Benin".

"Nonostante tutto, nessuno studio recente è stato condotto per determinare la presenza, l'epidemiologia o la caratterizzazione del virus. Lo stesso vale per la malattia Citrus exocortis, che è responsabile di perdite significative in tutto il mondo. Altre malattie - psorosi, Huanglongbing, fitoplasma, xiloporosi - ancora da identificare potrebbero essere presenti nei frutteti del Paese".

Forte pressione di malattie e parassiti sugli agrumi in Benin
"Quando sono stati creati i frutteti commerciali, molte varietà di agrumi sono state introdotte nel Paese, tra il 1961 e il 1972. La sensibilità alle malattie e ai parassiti e lo scarso adattamento alla terra e al clima locali hanno portato all'abbandono di diverse varietà. Le varietà di agrumi in Benin ora includono lime messicani (citrus aurantifolia), Ranpgur (c. limonia), mandarini e clementine comuni (c. clementina Hort. Ex Tan), Tangelo Minneola, Wekiwa e Orlando (c. reticulata x c. paradisi), Tangor Ortanique (c. reticulata × c. sinensis) e mandarino Dancy (c. reticulata Blanco) così come il pompelmo (citrus paradisiMacfad) Shambar e Marsh".

Tra le arance, Hamlin, Pineapple e Valencia sono le varietà più diffuse nei frutteti del Paese. "La varietà Pineapple è così sensibile al virus della Tristeza che viene usata come indicatore della malattia in tutto il mondo. Il principale portainnesto utilizzato in Benin è il lime Rangpur, che presenta due grandi problemi: la sua sensibilità al Citrus exocortis e alla gommosi degli agrumi".

Oltre alle malattie, i parassiti sono responsabili di perdite significative nei frutteti. "Le termiti scavano gallerie nei tronchi delle piante di agrumi. Le mosche della frutta rendono i frutti freschi inadatti all'esportazione a causa delle macchie lasciate dai morsi sulla superficie del frutto. Le minatrici degli agrumi (Phyllocnistis citrella) sono un problema serio per i vivai e i giovani frutteti.

Cattiva gestione dei vivai
Da decenni, i frutteti e i vivai sono mal gestiti. Sono stati costruiti direttamente sul terreno, il che espone gli innesti alla Phytophthora spp. Le giovani piante sono trasportate con le radici nude. Sono spesso mal innestate e in condizioni sanitarie precarie. In alcune zone, le piante non sono nemmeno innestate. Gli agrumeti sono piantati molto densamente e lasciati esposti ai pericoli della natura. Gli alberi sono raramente potati, irrigati o trattati contro i parassiti e le malattie. La pratica di combinare gli agrumi con altre colture è pericolosa quando queste colture devono affrontare gli stessi parassiti, aumentando così la pressione sugli agrumi.

"Infine, a causa della cattiva gestione della frutta dopo la raccolta, del basso tasso di trasformazione e della mancanza di organizzazione delle catene del valore, molti degli agrumi vanno persi dopo essere stati raccolti".

Il dipartimento di Zou è il più favorevole alle coltivazioni di agrumi
Il Benin ha tre climi: subtropicale, sudano-guineano e sudanese. "Gli agrumi hanno bisogno di 21-30 °C in media e di 1.016-1.143 mm d'acqua, ben distribuiti per un'attività fisiologica ottimale. La zona sudanese (950-1.300 mm d'acqua/anno, temperatura media di 17-33 °C, umidità relativa del 20-47%) con la sua lunga stagione secca di 6 mesi potrebbe infliggere un grave stress idrico agli agrumi a meno che non si ricorra all'irrigazione. Le piantagioni della regione sub-equatoriale (950-1.500 mm d'acqua/anno, temperatura media di 24-31 ºC e umidità relativa media del 58-95%) dovranno affrontare un maggior numero di malattie fungine e batteriche".

"Le ragioni di cui sopra hanno sicuramente guidato i pionieri dell'agrumicoltura intensiva in Benin a impostare la maggior parte delle coltivazioni nelle regioni sudano-guineane (1.200 mm d'acqua/anno, temperature medie da 22,5 a 35,2 °C, umidità relativa media del 30-83%) e sub-equatoriali del Paese negli anni '60. Le collezioni di agrumi sono state quindi piantate a Toué/Bohicon, Sékou/Allada, Allahè/Za-kpota. Il dipartimento di Zou, nel centro del Paese, si è rivelato il più favorevole per la coltivazione degli agrumi".

Agrumi verdi: un ostacolo all'esportazione in Europa?
"In generale, le temperature notturne superiori ai 13-15 °C, soprattutto durante la fase di maturazione dei frutti, sono responsabili del colore verde degli agrumi maturi nelle regioni tropicali contrariamente alle zone temperate (bacino mediterraneo per esempio), che danno frutti arancioni o gialli a seconda della tipologa di frutto. Questo stato di cose potrebbe essere un ostacolo all'esportazione di agrumi freschi dal Benin verso l'Europa".

Una produzione di arance sempre più estesa in Benin
Uno studio, condotto da Félicien Akohoue e dai suoi collaboratori nel 2017 nel dipartimento di Zou, stima la dimensione media degli agrumeti a 3,18 ettari. Inoltre, il grafico qui sotto mostra le rese e le superfici raccolte dal 1960 al 2019, rivelando che la produzione di arance è sempre più estesa nel Paese.

Fonte FAOSTAT2021

Il settore agrumicolo: una possibile soluzione ai problemi socio-economici del Benin
"La situazione attuale degli agrumi è molto preoccupante, ma soluzioni semplici e adatte ai nostri mezzi e alle nostre condizioni esistono e aspettano di essere attuate. Il settore agrumicolo potrebbe essere un'eccellente soluzione ai problemi socio-economici del Benin, generando un reddito significativo. Ad esempio, la Turchia ha prodotto 4,30 milioni di tonnellate di agrumi nel 2019 e ha esportato 1,60 milioni di tonnellate per un valore di oltre 750 milioni di dollari. Il vantaggio del Benin in termini di condizioni del suolo e del clima, rispetto ai Paesi vicini - Burkina-Faso e Niger per esempio - dovrebbe incitare le autorità e i partner di sviluppo a concentrare i loro sforzi sul settore degli agrumi in Benin".

E' necessaria una conoscenza approfondita dello stato sanitario degli agrumeti
"Per migliorare il settore, è necessario innanzitutto acquisire una conoscenza approfondita dello stato sanitario degli agrumeti del Benin. Conoscere le malattie che hanno un impatto economico importante sugli agrumi del Paese, la loro distribuzione geografica e le caratteristiche molecolari e/o biologiche degli agenti patogeni che le causano. Questo faciliterà la scelta di nuove varietà, soprattutto i portainnesti. Le autorità pubbliche devono anche istituire un programma per la certificazione e la produzione di piante di agrumi esenti da patogeni.

"La seconda area di miglioramento riguarda la gestione dei parassiti nel rigoroso rispetto dell'ambiente e della salute dei consumatori, perché alcuni parassiti portano malattie. L'uso di agrofarmaci biologici è una strada seria. Infine, ci deve essere un inventario di tutti i parassiti presenti negli agrumeti del Paese".

La formazione dei vivaisti e degli agrumicoltori è essenziale
"La formazione dei vivaisti e degli agrumicoltori sulle buone pratiche di coltivazione degli agrumi è essenziale. I vivaisti devono migliorare la loro capacità di gestire i vivai di agrumi. La disinfezione degli strumenti di innesto e di potatura con candeggina concentrata al 2-5% deve diventare una pratica comune. D'altra parte, mettere le giovani piante a terra, innestare troppo vicino al colletto, trasportare le giovani piante con le radici nude e usare un terreno pesante non sterilizzato su cui collocare il vivaio non sono pratiche raccomandate".

Anche la densità dei frutteti dovrebbe essere ridotta. Una spaziatura di circa 7x7m, 7x7,5m e 8x8m dovrebbe assicurare una buona aerazione delle piantagioni e una minore competizione tra le piante per l'accesso alla luce del sole.

"Combinare le colture negli agrumeti comporta alcuni rischi. Combinare gli agrumi con il mais o il cotone, per esempio, potrebbe aumentare la pressione dei parassiti sulla frutta, dato che tutte e tre queste colture condividono l'afide del cotone (Aphis gossypii Glover) e l'afide della carota (Myzus persicae) come parassiti, oltre a due importanti vettori del virus della Tristeza degli agrumi. La combinazione di agrumi con colture di pomodoro potrebbe essere la base per la trasmissione meccanica dell'exocortis da una coltura all'altra".

"Inoltre, lo sviluppo e l'uso di fertilizzanti specifici per gli agrumi è essenziale in ogni area agro-ecologica del Paese in cui si produce il frutto. E' necessario promuovere la meccanizzazione delle operazioni di diserbo, trattamento fitosanitario, potatura, raccolta e raccolta dei frutti marci nei frutteti. Il sostegno delle autorità pubbliche e dei partner per diffondere seghe a palo, potatrici telescopiche, irroratrici elettriche, strumenti di diserbo meccanico motorizzati o non motorizzati, è necessario per ridurre la domanda di manodopera sempre più scarsa".

Sacca d'irrigazione portatile per alberi

"In termini di riduzione degli effetti del cambiamento climatico, è necessario impostare metodi di irrigazione semplici e poco costosi -  sacchetti di irrigazione per gli alberi o taniche accoppiate al sistema di irrigazione - al fine di ridurre un po' lo stress idrico delle piante man mano che le stagioni secche si allungano. Infine, la durata di conservazione dei frutti raccolti può essere migliorata trattandoli con fungicidi, prima di trasportarli in casse di plastica piuttosto che in cesti".

Per maggiori informazioni:
Fabrice M. Afloukou 
afloukoufm@yahoo.com


Data di pubblicazione:
© /



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto