I peggiori primi sei mesi degli ultimi cinque anni

In Spagna, l'indennizzo agricolo è aumentato del 22 per cento nel primo semestre

Nel primo semestre dell'anno, Agroseguro ha pagato ai produttori un indennizzo pari a 461,25 milioni di euro, ovvero il 22% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, a causa del clima instabile che ha caratterizzato questi primi mesi dell’anno. Pertanto, quello del 2021 è il peggior primo semestre degli ultimi cinque anni.

L'area danneggiata dei produttori assicurati, raggiungeva 930.611 ettari, il 76% in più rispetto all'area colpita nel 2020, secondo i dati Agroseguro.

Nel complesso, i frutticoltori assicurati registrano risarcimenti superiori a 135 milioni di euro (il 20% in più rispetto al 2020) e i produttori di ortaggi superano i 56 milioni, cifra leggermente superiore rispetto all'anno precedente. Nel caso degli agrumi, i danni hanno raggiunto i 53 milioni, ovvero il 109% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Spiccano i danni in Castiglia-La Mancia in quanto, durante la prima metà del 2021, i pagamenti agli agricoltori assicurati hanno superato quelli relativi a tutto il 2020, con oltre 97 milioni di euro.

Anche Murcia, Aragona, Castiglia e León, Catalogna, Andalusia, Comunità Valenciana, Estremadura, La Rioja, Navarra e Galizia hanno registrato alti livelli di indennizzi, nella maggior parte dei casi più elevati rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Neve, vento, gelo, pioggia e grandine
I primi sei mesi del 2021 sono stati caratterizzati da eventi meteo estremamente avversi per il settore, ha affermato Agroseguro nel suo rapporto. Nel mese di gennaio, la tempesta Filomena ha provocato abbondanti nevicate, forti raffiche di vento e, successivamente, un calo molto marcato delle temperature, che hanno raggiunto i -20 °C nelle zone interne e i -6 °C in alcune parti della costa mediterranea. Questa situazione ha prodotto una sovrapposizione di rischi sulla stessa coltura (neve, vento e gelo), in particolare sulla produzione invernale in pieno campo di agrumi e ortaggi, nonché nelle produzioni coltivate al coperto e nelle serre.

Allo stesso modo, forti raffiche di vento hanno causato danni alla produzione di banane.

Il 19 marzo, l'ingresso di una massa d'aria fredda, che ha causato un forte calo delle temperature notturne in gran parte della Spagna, ha avuto un grave impatto sulle drupacee e sulle varietà di sementi in piena fioritura e allegazione, nella maggior parte delle aree di produzione. Inoltre, il meteo ha causato danni ai mandorleti e alle colture orticole come carciofi, asparagi, piselli e patate.

A partire da maggio, ripetute tempeste accompagnate da grandine hanno causato gravi perdite nelle colture erbacee e frutticole in varie zone della Spagna, nelle produzioni di ciliegie nella Comunità Valenciana e in Estremadura, e nelle colture orticole nel nord e nel centro della penisola.

Fonte: efeagro.com  


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto