L'Egitto si consolida come principale esportatore di arance Valencia

L'Egitto è diventato il più grande esportatore di arance al mondo, sottraendo la posizione di leader alla Spagna. Anche se il 95% della superficie egiziana è desertica, il Paese ha quasi 168mila ettari coltivati con alberi d'arancio sparsi nella sua arida geografia come se fossero un miraggio; e non solo nelle zone del delta del Nilo, poiché il 60% di essi si trova in aree desertiche bonificate.

L'arancia è l'agrume più coltivato nel Paese e rappresenta l'80% della produzione totale di agrumi. La varietà Valencia è, di gran lunga, quella più coltivata.

"Negli ultimi anni i produttori spagnoli non hanno mostrato molto interesse per la varietà Valencia. Hanno preferito piantare agrumi facili da sbucciare, mentre i produttori egiziani hanno optato per piantare più arance, soprattutto della varietà Valencia", ha dichiarato Mahmud Shishini, il direttore commerciale di Mafa, una delle aziende agricole più fiorenti in Egitto.

La sua azienda ha ricevuto il sostegno di esperti agricoli israeliani dopo l'accordo di pace del 1979 tra le due nazioni.  Trent'anni fa l'azienda ha introdotto il seme dell'arancia Valencia, attualmente coltivata nel Paese.

"E' un tipo di arancia che si distingue per la sua buona qualità e che è molto più economica di altre varietà", spiega Abdelkader Hasan, proprietario di un'importante azienda di esportazione agricola. Una combinazione di fattori spiega il successo di questo tipo di agrume in quella che una volta era una terra sterile. "Tanto per cominciare è un seme che tutti conoscono e sanno come piantare. Inoltre, è una varietà semplice e molto durevole. Il terzo fattore è che qui il clima è ideale. Infine, la Spagna può avere uno spazio limitato per coltivare questo frutto, ma se abbiamo l'acqua possiamo piantarlo in centinaia se non migliaia di ettari. E' un modello di investimento che è facile da replicare", dice Shishini.

Nel 2019, l'ultimo anno per il quale esistono dati registrati, l'Egitto ha spedito all'estero circa 1,8 milioni di tonnellate di arance, un po' più della Spagna, secondo i dati dell'International Trade Center, un'agenzia congiunta dell'Organizzazione mondiale del commercio e delle Nazioni Unite. Entrambi, tuttavia, sono molto lontani dal terzo principale produttore, il Sudafrica.

I principali mercati per le arance egiziane sono la Russia, l'Arabia Saudita, la Cina, i Paesi Bassi - considerati la porta dell'Europa - e gli Emirati Arabi Uniti. Nell'ultimo anno, tuttavia, il Paese arabo ha ottenuto nuovi mercati per le sue arance, che hanno raggiunto destinazioni diverse come il Brasile, la Nuova Zelanda o il Giappone.

Il Brasile ha aperto il suo mercato agli agrumi provenienti dall'Egitto a seguito di un accordo di libero scambio Mercosur-Egitto, che comprende Brasile, Argentina, Uruguay e Paraguay. Secondo le stime della Camera di commercio araba-brasiliana, nell'arco di due anni l'arancia egiziana potrebbe guidare il mercato brasiliano.

Fonte: elindependiente.com 


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto