Perano Enrico & Figli Spa

I prezzi delle materie prime condizioneranno gli utili nella filiera dei derivati di pomodoro

Complice l'allentamento delle restrizioni in molti Paesi, la ripresa dalla pandemia pone una serie di problemi di varia natura: dal mancato reperimento di materie prime, all'aumento senza precedenti dei costi energetici, dalla logistica interna fino al trasporto marittimo intercontinentale, che sta generando ritardi nella consegna delle merci.

"In una situazione del genere, caratterizzata dall'incertezza, l'unico punto fermo per l'industria di derivati di pomodoro è che, se da un lato abbiamo materia prima a sufficienza, dall'altro sarà un problema riuscire a stabilire, di concerto con la grande distribuzione, il prezzo equo con cui i trasformati arriveranno a scaffale". Così racconta Enzo Perano, amministratore delegato dell'omonima azienda campana Perano Enrico & Figli.

L'azienda trasforma e commercializza un'ampia varietà di pomodori a marchio Galletto, con volumi complessivi che si attestano intorno alle 90.000 tonnellate, con materia prima derivante da pomodoro sia tondo che lungo.

L'azienda - giunta oggi alla terza generazione di imprenditori - è presente nella grande distribuzione organizzata italiana ed estera sia a marchio proprio (Galletto) sia a private label. Sono circa 12 le referenze di pomodoro lavorate, tra pomodorini interi, pelati, passati e a pezzi, disponibili in vari formati a seconda dei canali commerciali di riferimento. L'assortimento dei trasformati spazia dai pelati di San Marzano, disponibili in vari formati, alla classica Passata di Pomodoro in formato vetro da 690 grammi e si arricchisce di specialità come i Pomodorini, i Datterini, e i cubettati. 

"Dalla prossima settimana inizieremo a lavorare i primi carichi di pomodoro lungo pugliese e daremo il via alle nuove linee di lavorazione che abbiamo messo a punto per potenziare la capacità produttiva degli impianti. E' stato necessario più che mai ampliare l'impianto fotovoltaico - messo a punto a luglio 2020 - che sarà fondamentale per abbattere i costi energetici, difficilmente ammortizzabili per un prodotto povero come il pomodoro, che arriva a scaffare a prezzi bassissimi".

La richiesta dei derivati di pomodoro supera i volumi disponibili

"L'impianto fotovoltaico - precisa Vincenzo Perano - si compone di 906 pannelli solari della Jinko Solar e occupa una superficie di circa 2000 mq, con una potenza di 298,98 kWp. L'impianto - a supporto di un altro precedente di 200 kWp realizzato nel 2012 - produrrà oltre 980.000 kWh di energia elettrica (fabbisogno annuo pari a quello di 200 famiglie medie italiane)".

"La grande distribuzione organizzata - conclude Enzo Perano - al momento si è mostrata disponibile a riconoscere (rispetto ai prezzi concordati l'anno scorso) piccoli aumenti, ma non tali da coprire le maggiorazioni dei costi conseguenti alle mutate condizioni in cui versa tutta la filiera del pomodoro da industria. Ormai da oltre un anno non accenna a stabilizzarsi l'ascesa dei prezzi di una serie di materie prime utilizzate nel ciclo produttivo: dal vetro, all'alluminio, al cartone, alla banda stagnata (impiegata in particolare per la produzione dei barattoli di pomodoro). In tale situazione, il risultato per il commercio dei derivati di pomodoro da industria potrebbe avere conseguenze tali da deprimere gli utili delle imprese ai minimi storici"

Per maggiori informazioni:
Galletto
Perano Enrico & Figli Spa
Via Armando Diaz,68
84010 San Valentino Torio(SA)
Tel.: 081 939418
(+39) 348 4886155
magazzinoperano@gmail.com
www.gallettoconserve.it


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto