Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Il commento di Jean-Pierre Bezuidenhout (Olympic Fruit)

Sembra sarà una buona stagione per gli agrumi sudafricani

In Sudafrica aumenta la produzione di agrumi. L'USDA riferisce che nella stagione 2019/20 c’è stata una crescita del 6%, proprio come in quella 2018/19. Circa la metà della superficie agrumicola sudafricana è dedicata alla coltivazione delle arance. Nella campagna 2020/21 dovrebbero essere esportati 1,2 milioni di tonnellate di arance.


Jean-Pierre Bezuidenhout, Olympic Fruit

La gran parte di questi volumi è destinata alle nazioni dell'Unione europea. Il più importante fra questi, i Paesi Bassi, importa il 23% dei volumi, oltre a mandarini e clementine dal Sudafrica. Si prevede che supererà le 86.000 tonnellate, il 13% in più rispetto alla scorsa stagione. L'USDA prevede nella stagione 2020/21 una crescita delle esportazioni globali del 9% per mandarini e clementine sudafricane, in parte per la maggiore richiesta di alimenti più salutari per far fronte al coronavirus.

Più frutta
Sebbene Jean-Pierre Bezuidenhout, direttore alle importazioni della Olympic Fruit abbia registrato un aumento del programma di vendita al dettaglio di agrumi, non è sicuro che sia dovuto solo al Covid-19. L'aumento delle vendite potrebbe anche dipendere dal fatto che la Olympic si sia concentrata sulla vendita al dettaglio e abbia lasciato meno canali di vendita aperti, in modo da veicolare un numero maggiore di vendite attraverso la vendita al dettaglio, e non tramite il settore Horeca.

"In generale, sarebbe difficile attribuire i cambiamenti nel consumo al dettaglio esclusivamente al coronavirus". Nonostante questo, dovrebbe verificarsi una buon commercializzazione. "Sembra che sarà una stagione soddisfacente per gli agrumi sudafricani". Si prevede la spedizione di molti più frutti. "Indipendentemente dal problema della macchia nera in limoni, pompelmi, Navel e Valencia, si prevede che in Europa arriverà una buona quantità di agrumi". Jean-Pierre spiega che in questa stagione sono entrate in produzione molte più piantagioni. "In passato i coltivatori sudafricani hanno investito molto e ora i nuovi alberi stanno dando i frutti, e ne vedremo molti di più sul mercato".

La domanda
Con tutti i volumi in arrivo in Europa, la domanda riuscirà a stare al passo? Nel complesso, Jean-Pierre prevede che ci sarà una buona domanda di agrumi sudafricani. Il mercato differisce a seconda dei diversi tipi di agrumi. Egli osserva che la domanda di soft citrus cresce ogni anno. "Sebbene sia la domanda che l'offerta stiano crescendo, l'offerta sta decisamente superando la domanda". Alla fine di aprile, la previsione era che la domanda di soft citrus sarebbe aumentata nelle settimane successive. Il mercato dei limoni presenta un quadro diverso e sembra essere influenzato negativamente dal Covid-19. La domanda di limoni dipende molto dall'apertura dei ristoranti, compagnie aeree e strutture fuori casa".

E' disponibile una quantità sufficiente di prodotto spagnolo, che causa una domanda inferiore. Alla fine di aprile, il mercato dei pompelmi Star Ruby era vuoto, il che significa che le prospettive sono buone.

Logistica e calibri
Sebbene al momento vi sia una carenza di container, non si prevede che i problemi logistici ostacoleranno la stagione degli agrumi. "Alla fine di aprile c’è stata una carenza di container in Sudafrica. Per migliorare la situazione, la Mediterranean Shipping Company (MSC) sta inviando 2.000 container in più. Se il problema non dovesse risolversi, saremo pronti a caricare più navi convenzionali, invece che portacontainer".

Jean-Pierre prevede che l'ostacolo di questa stagione potrebbero essere i calibri degli agrumi. Al nord la pioggia, accompagnata da un ciclone, ha prodotto frutti più grandi rispetto al Capo Orientale e Occidentale, dove sono attesi frutti più piccoli. Il direttore commerciale dice che nella vendita al dettaglio si preferiscono frutti più piccoli, e che quelli più grandi potrebbero essere meno facili da vendere. "In particolare, per i pompelmi Star Ruby sono disponibili calibri più grandi che sono più difficili da vendere, soprattutto in Europa".

Clicca qui per il report USDA completo.

Per maggiori informazioni: j.bezuidenhout@olympicfruit.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto