Il Marocco sta costruendo una megalopoli del pomodoro a Dajla

Secondo un rapporto di ricerca presentato dall'ONG Mundubat e dall'organizzazione agraria COAG, "il re del Marocco sta costruendo illegalmente una "megalopoli del pomodoro" a Dakhla, a spese del popolo Sahrawi e dei contadini del sud-est spagnolo".

Il rapporto "Diritti dell'uomo e imprese transnazionali nel Sahara occidentale: il caso del pomodoro" descrive in dettaglio come cinque grandi gruppi imprenditoriali stiano sfruttando la terra fertile nei territori occupati del Sahara occidentale per creare uno dei più grandi centri di produzione di pomodoro del mondo.

Una delle principali imprese create è Les Domaines Agricoles, una società appartenente alla holding del re Mohamed VI. Una filiale di questa società, il Groupe d'Exportation des Domaines Agricoles (GEDA), si occupa dello stoccaggio, dell'imballaggio e del trasporto, e mantiene una relazione di partenariato con l'ente francese Frulexxo, con sede a Saint Charles International, Perpignan, e che ha una filiale chiamata Eurextra per la commercializzazione dei prodotti in Spagna.

Lo studio comprende anche le molteplici irregolarità del macro progetto agricolo che l'oligarchia marocchina sta costruendo intorno a Dakhla, tra cui la violazione dei diritti fondamentali del popolo Saharawi, la discriminazione lavorativa contro questa popolazione, l'usurpazione delle loro risorse naturali locali, come la terra e l'acqua, e la frode contro i consumatori europei in materia di etichettatura.

Il rapporto evidenzia le violazioni della tracciabilità e dell'etichettatura denunciate dalla COAG nel corso degli anni. La produzione di pomodori di Dakhla viene inviata in camion ad Agadir, in territorio marocchino. Lì, i pomodori vengono mescolati con il resto della produzione proveniente dalle serre di questa regione del Sous e vengono confezionati ed etichettati come merce prodotta in Marocco.

La copertina del rapporto completo.

Come dichiarato da Andres Gongora, responsabile del settore ortofrutticolo della COAG: "L'attuale crisi provocata dalle autorità marocchine alla frontiera con la Spagna fa parte della loro strategia per costringere la comunità internazionale a riconoscere la loro sovranità sui territori occupati del Sahara occidentale e a mascherare gli abusi e le illegalità che commettono da decenni contro i sahrawi. L'accordo di libero scambio firmato con l'UE, i carenti controlli alle frontiere e la pigrizia dell'amministrazione spagnola ed europea hanno contribuito a questo. Un paese capace di armare i suoi bambini per risolvere i suoi conflitti internazionali non è un partner affidabile e l'UE dovrebbe rivedere tutti gli accordi commerciali con esso".

Per maggiori informazioni:

COAG 
Tel.: 91 534 63 91
coagmadrid@coag.org
www.coag.org


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto