Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Nonostante la siccità

Qualità eccellente e stessi volumi del 2020 per gli agrumi della Valle del Gamtoos

Nella valle di Gamtoos (Sudafrica) si raccolgono limoni, clementine, Nova e Navel. La prossima settimana inizieranno ad arrivare volumi significativi e, tra due settimane, andranno a pieno regime.

La diga di Kouga (foto a destra) è piena al 4,3% e ogni giorno viene rilasciato a tutti i suoi utenti solo lo 0,05% dell'acqua. Circa la metà degli agricoltori della zona ha sempre avuto accesso all'acqua di scarsa qualità del fiume Gamtoos, che è ciò che ha permesso a molti di loro di superare anni di siccità ma, in alcuni punti, il fiume si è prosciugato e l’acqua è quasi inutilizzabile, dal punto di vista della qualità.

Negli ultimi tre anni, ma soprattutto nell'ultimo, sono stati scavati molti pozzi. "La qualità dell'acqua sotterranea non è costante ma, in questa fase, qualsiasi acqua è meglio di niente" dice Fredri Kok, amministratore delegato della Patensie Citrus, un'azienda con 93 anni di coltivazione ed esportazione e che rappresenta 24 coltivatori e azionisti delle zone di Hankey e Patensie.

"Fortunatamente ora stiamo entrando nel periodo in cui gli alberi iniziano a utilizzare un po' meno acqua, ma la situazione è sicuramente difficile".

Nonostante anni di scarse precipitazioni e tagli profondi nella distribuzione dell'acqua, la qualità interna è eccellente, la frutta è pulita e presenta pochi danni causati dal vento. "C'è un aumento dei packout e dei cartoni rispetto all'anno scorso, per gli stessi frutteti" continua Kok.

"In media, i frutti sono di un calibro e mezzo più piccoli, quindi questo ridurrà il numero di cartoni ma, grazie alle nuove piantagioni, prevediamo la stessa quantità di cartoni dell'anno scorso", spiega Kok. "La qualità è migliore rispetto allo scorso anno, ma è una situazione difficile e il Rand forte avrà un impatto negativo sui profitti delle aziende".

Alla Patensie Citrus sono preoccupati per la prossima stagione che inizierà tra tre mesi e che non prevede piogge. La diga di Kouga si è riempita grazie alle recenti precipitazioni in alcune zone della Valle di Langkloof, ma determinando solo un aumento dello 0,12% del livello della diga.

Kok fa notare che, a queste condizioni, è difficile continuare.

Il mercato dei limoni rappresenta una grande sfida quest'anno
La Patensie Citrus commercializza circa l'85% della propria frutta, tranne quando viene confezionata con i marchi come Sunkist, preferendo lasciare agli specialisti il commercio in Russia e Bangladesh.

Nel nord del Sudafrica e nel Capo Occidentale i frutti sono un po’ più grandi, mentre il Capo Orientale produce tradizionalmente frutti più piccoli, quindi sono già conosciuti sui mercati che preferiscono i frutti piccoli, come il Regno Unito per i soft citrus e il Medio Oriente per le Navel.

Per quanto riguarda le Valencia, i rivenditori europei e britannici sono dei buoni clienti per i frutti più piccoli.

"Quest'anno, la grande sfida per tutti è una certa pressione sui limoni, soprattutto quelli piccoli, e noi ne abbiamo in gran quantità. Nel Regno Unito abbiamo buone possibilità, ma in Medio Oriente il mercato è limitato per i limoni di piccole dimensioni".

Cinque anni fa, i prezzi per la trasformazione dei limoni erano buoni, ma il prezzo della spremitura attualmente è così basso che potrebbe non coprire neanche i costi di confezionamento.

Il Sudafrica ha bisogno di più mercati per gli agrumi
"In Sudafrica sono stati piantati troppi agrumi", afferma Kok , "e se guardiamo ai volumi futuri è chiaro che avremo bisogno di nuovi mercati, o avremo problemi. Sono in arrivo tempi difficili e prima ci prepariamo, meglio è".

Kok continua: "L'Europa rappresenta ancora il 70% del commercio della Patensie Citrus, anche perché, come nel Capo Occidentale, non abbiamo la macchia nera degli agrumi, quindi siamo molto dipendenti dal mercato europeo. Speriamo che gli Stati Uniti si aprano presto al resto del Paese, perché si creerebbero nuove opportunità per noi. Ogni anno sviluppiamo nuovi mercati in Estremo Oriente, ma la sfortuna per noi è che il mercato cinese preferisce frutti grandi, e noi quest'anno non ne abbiamo molti".

Ogni anno l’azienda spedisce piccoli volumi nei Paesi asiatici, come l'India (il cui protocollo fitosanitario di trattamento a freddo aggiunge 21 giorni al viaggio) e l'Indonesia (aperto periodicamente ai soft citrus sudafricani) con l’obiettivo di continuare a crescere.

Per maggiori informazioni:
Fredri Kok
Patensie Citrus
+27 42 283 0303
info@patensiecitrus.co.za
www.patensiecitrus.co.za


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto