Le tariffe del trasporto container sulla rotta Asia-Europa raggiungono nuovi massimi

A causa dell’effetto combinato di una forte domanda marittima, dei ritardi nei porti e della carenza di container, il prezzo spot dei container ha continuato a salire e ha raggiunto nuovi massimi. Parte delle cause di questo aumento dei prezzi è la carenza di navi, poiché la maggior parte della capacità è stata utilizzata sulle popolari rotte commerciali Trans-Pacifico e Asia-Europa. Negli ultimi mesi, infatti, molte navi sono state spostate dalle rotte commerciali meno frequentate su quelle verso il mercato asiatico. Le compagnie di navigazione hanno trasferito quanta più capacità possibile per facilitare il boom del commercio Asia-Europa e Trans-Pacifico. Tuttavia, non c'è ancora una tendenza al ribasso per le tariffe di trasporto della rotta dall’Asia al Nord Europa.

Il 17 maggio, Platts Container Rate 1 ha mostrato che la tariffa del trasporto container sulla rotta dell'Asia settentrionale e del Nord Europa è salito a 12.000 dollari/feu, un aumento di 1.500 dollari/feu rispetto alla settimana precedente, e quasi dieci volte superiore rispetto alla stima di un anno fa di 1.300 dollari/feu.

L'ultimo aumento delle tariffe del trasporto è avvenuto in un momento in cui la domanda sulle principali rotte mondiali ha continuato a superare l'offerta. Rispetto all'inizio della pandemia, il numero di container vuoti in circolazione nel settore marittimo è diminuito drasticamente perché, una volta che i container vengono scaricati dalla nave, a causa della carenza di lavoratori al terminal, dello limitato trasporto interno e della pandemia, il tempo di ritorno al porto è notevolmente aumentato.

Questo problema è sentito in tutto il settore del trasporto marittimo globale. Alcuni container potrebbero impiegare 4 settimane dopo lo scarico per tornare al porto d’origine, mentre all'inizio del 2020 ci volevano solo dai 7 ai 10 giorni. A causa dello scoppio del Covid-19 nei principali hub di tutto il mondo, i ritardi nei porti hanno notevolmente ridotto la disponibilità del personale di supporto, provocando notevoli ritardi.

Per le rotte commerciali europee, la chiusura del Canale di Suez a marzo ha causato gravi strozzature nei porti europei. Ne è seguito un periodo di calma, perché le navi portacontainer non potevano raggiungere le loro destinazioni, e i porti hanno potuto recuperare le attività arretrate, ma ad aprile, con lo sblocco del Canale di Suez, è arrivato al porto un gran numero di navi, tutte insieme, il che ha portato a tempi di attesa più lunghi e ha aggravato la situazione del mercato già sotto pressione.

I trasportatori sono quelli colpiti più pesantemente perché i ritardi significano una notevole riduzione del numero di container che arrivano al porto, entro i tempi previsti. Sebbene i vettori di tutto il mondo abbiano lavorato duramente per garantire nuovi container, ci sono persone che temono che questi container finiscano nei porti e creino ulteriori problemi alla spedizione.

Attualmente, le navi hanno utilizzato tutta la loro capacità per trasportare container a pieno carico in tutto il mondo e i vettori non dispongono di un sistema flessibile per il trasferimento dei container vuoti. Pertanto, alcuni operatori del mercato temono che, a causa dell'impossibilità di trasferire i container in aree adeguate, un gran numero di nuovi container rimarrà bloccato nei terminal e ci saranno ulteriori ritardi nei porti. Sebbene l'intero settore speri che questi problemi logistici possano essere risolti il prima possibile, in questo momento sembra che dureranno almeno fino alla fine del terzo trimestre.

Inoltre, Platts Container Rate 11 ha mostrato che anche le tariffe del trasporto container della rotta Asia settentrionale e Regno Unito hanno raggiunto un livello record, passando da 1.325 dollari/feu nello stesso periodo dello scorso anno, a 14.500 dollari/feu.

Fonte: Foreign shipping


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto