Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Hugo Castro - GinaFruit

"E' solo una questione di tempo prima che il raccolto di banane dell'Ecuador venga colpito dal Fusarium"

Il fungo parassita Fusarium e le banane hanno purtoppo una lunga storia insieme. Il Fusarium oxysporum spp cubense Tropical Race 4 (Foc TR4) ha già colpito una ventina di Paesi e ora rappresenta una minaccia anche per l'intera industria della banana e della piantaggine dell'Ecuador. Non è stata ancora trovata una cura. "Dopo il petrolio grezzo, la banana è il secondo prodotto d’esportazione dell'Ecuador, e se questo business venisse colpito, l'impatto sarebbe enorme", afferma Hugo Castro della GinaFruit.

In America Latina, la variante TR4 della malattia di Panama è stata rilevata per la prima volta in Colombia nel 2019, e solo un paio di settimane fa in Perù. L'Ecuador ha piantagioni a meno di 300 chilometri dalla regione settentrionale del Perù, dove il fungo è stato individuato il 12 aprile. Machala, la capitale della provincia di El Oro e cuore commerciale della principale regione produttrice di banane dell'Ecuador, è a soli 45 minuti dal confine peruviano. "Ora è solo questione di pochi mesi o di un anno, prima che l'Ecuador venga colpito dal TR4", ha detto Castro. "Il Perù è un grande partner commerciale dell'Ecuador e ogni giorno arrivano camion carichi di prodotti come cipolle, riso e patate, portando con sé molto terreno / sporcizia. Queste colture sono insensibili al TR4, ma possono comunque trasportare la malattia e diffonderla ad altre produzioni".

A sinistra, Hugo Castro della GinaFruit.

Misure estreme
Il governo ha adottato misure estreme e istituito posti di blocco a tutti i valichi di frontiera. Ogni carico dei camion viene controllato e le misure prevedono la sterilizzazione di container e camion, nonché l'adozione di norme fitosanitarie più severe per l'importazione del materiale vegetale dei banani. Inoltre, vengono organizzate conferenze online per istruire i coltivatori sul Fusarium.

"Alla GinaFruit, disinfettiamo il più possibile e abbiamo anche implementato delle misure di sicurezza. Poiché siamo certificati Rainforest e GlobalGAP, lavoriamo già secondo vari protocolli", ha affermato Castro. "Un esempio è che abbiamo strumenti e materiali specifici per ogni azienda che rimangono lì. Abbiamo anche sistemi di disinfezione dei camion e varchi di biosicurezza per le persone".

Tuttavia, la GinaFruit e la maggior parte dei produttori di banane ecuadoriani sono circondati da piccole aziende agricole che generalmente non sono abbastanza informate e non sempre sanno cosa entra nella loro azienda. "La mancanza di informazioni potrebbe essere causata da agricoltori che non leggono le notizie o semplicemente non hanno la capacità economica per mettere in atto i protocolli giusti. Purtroppo, l'industria delle banane dell'Ecuador non si presenta compatta, con produttori, esportatori e governo che si siedono allo stesso tavolo e pianificano le azioni da attuare".

Affrontare e convivere con la minaccia del Fusarium
Alcuni Paesi, come l'Australia e le Filippine, si occupano del ceppo Fusarium TR4 già da venti o trent'anni. "Sanno come gestirlo e hanno imparato a conviverci", ha detto Castro. “Una delle soluzioni è condividere il più possibile le conoscenze e le migliori pratiche e inviare i nostri dipendenti in quei Paesi per la formazione e l’istruzione. Un'altra soluzione sarebbe sviluppare una nuova varietà di banana resistente al Fusarium. Ma questo potrebbe richiedere molti anni... un tempo che non abbiamo", ha aggiunto Castro.


"Nel frattempo, l'incertezza sul Fusarium, insieme alla pandemia da Covid-19, hanno rallentato il commercio, che non è più dinamico come prima." La domanda c'è, ma le persone non corrono rischi e se la prendono con calma. "Stiamo davvero vivendo davvero giorno per giorno", ha dichiarato Castro.

I clienti abituali della GinaFruit, che sono per lo più retailer molto esigenti dell’Europa occidentale e dell’Asia, stanno ancora andando bene, sebbene con un ritmo più moderato nel programma e nei volumi settimanali. A parte questi due continenti, i mercati risultano caotici. I nostri team di vendita sono sempre al telefono, rispondendo alle svariate richieste che arrivano dai diversi Paesi".

Per maggiori informazioni:
Hugo Castro
GinaFruit S.A.
+593 999423369
gerencia@ginafruit.com.ec
www.ginafruit.com.ec


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto