Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Manuel Cerpa, della Berry Dealer

Niente surplus di produzione per la campagna dei mirtilli a Huelva

A Huelva, in Sèpagna, è in corso la campagna dei mirtilli e, man mano che procede, aumentano le aspettative, visti i buoni risultati che si prevedono in questo mese, e anche nel prossimo.

"A gennaio di quest'anno, la tempesta Filomena si è abbattuta sulla penisola iberica, causando un abbassamento delle temperature e ritardando di oltre un mese la produzione delle varietà precoci. Allo stesso tempo, il clima freddo ha invece anticipato la produzione delle varietà tardive", dice Manuel Cerpa, dell'azienda d’esportazione di frutta Berry Dealer, con sede a Siviglia.

"Le migliori aziende del settore hanno capito che sarebbe stata una campagna rischiosa perché, in quel momento, sembrava che tutte le varietà, precoci e tardive, sarebbero arrivate ad aprile e che entrambe avrebbero raggiunto, contemporaneamente, i picchi di produzione".


Manuel Cerpa e Pablo González, rispettivamente direttore commerciale e manager della BerryDealer

"Tuttavia, nei mesi di marzo e aprile, le temperature sono state molto miti. Se i mirtilli non hanno sole, luce e temperature sopra i 25 ºC, maturano più lentamente, quindi la sovrapposizione produttiva che temevamo non si è verificata", dice Manuel. "In questo momento, la produzione delle varietà precoci come Snowchaser o Windsord è già terminata o sta per finire, mentre quella delle varietà di metà stagione come Ventura, Emerald o Jewel è in pieno svolgimento, e terminerà tra due settimane. Come per le varietà tardive, i primi mirtilli delle varietà che si trovano in una fase più avanzata di crescita sono già in fase di raccolta, mentre la raccolta delle cultivar tardive inizierà tra circa una settimana", afferma il direttore commerciale.

Di conseguenza, ci sono ottime prospettive per il resto della stagione, che secondo Manuel Cerpa "rimarrà stabile fino alla fine".

Forte domanda
Secondo l'esperto, quest'anno la domanda di questo piccolo frutto ha continuato a essere molto sostenuta e, sebbene inizialmente sia stato annunciato che la produzione di mirtilli di questa stagione a Huelva sarebbe cresciuta in modo significativo rispetto alla precedente, "c'è stata una carenza praticamente per l'80% della campagna".

"Si prevedeva un anno con il 40-50% in più di volume, vista l'età delle piante, gli ettari in produzione e le varietà coltivate, soprattutto considerati i dati degli anni precedenti, ma così non è stato. C’è stata una carenza di produzione e un'offerta lenta e senza picchi. Ma ciò che conta di più è che i prezzi sono rimasti stabili", dice Manuel Cerpa.

In effetti, il mirtillo è risultato il piccolo frutto di Huelva con le migliori prestazioni, in questa stagione. "E' stata un'annata buona anche per i lamponi, soprattutto perché i prezzi sono rimasti buoni durante tutto l'inverno. La frutta è stata carente e quella disponibile è stata di buona qualità. Per quanto riguarda le fragole, quest'anno i prezzi sono stati molto buoni, finora, ma non c'è molto ottimismo nel settore", dice Cerpa. "La maggior parte dei coltivatori di Huelva è insoddisfatta a causa della mancanza di volumi e, sebbene i prezzi siano stati soddisfacenti, i problemi di qualità e i bassi tassi di produzione (con alcune varietà che hanno registrato cali fino al 50%) hanno comunque causato dei risultati finali piuttosto scadenti".

Ritardo nella produzione europea dei mirtilli
Mentre le temperature primaverili hanno impedito alla campagna dei mirtilli di Huelva di incappare nel surplus di offerta che si temeva a inizio anno, nel resto d'Europa il clima non è stato così clemente e sta ritardando sia le produzioni in pieno campo sia quelle sotto tunnel.

"Le produzioni sotto serra, che si trovano soprattutto in Belgio e nei Paesi Bassi, stanno resistendo. Questi Paesi hanno già iniziato a raccogliere le fragole, accelerando la campagna spagnola. Tuttavia, in altri Paesi la domanda è ancora forte, e ci sono programmi per una parte del mese prossimo, dal momento che non sanno ancora quando avranno le loro piene produzioni e sono consapevoli che avranno ancora bisogno di importare", dice l’esperto.

"In molte aree europee, la produzione di mirtilli arriverà con 15-20 giorni di ritardo e ciò garantirà alla Spagna di rimanere sul mercato per tutto maggio e giugno, con buoni programmi di fornitura".

L'Europa è la destinazione principale per i mirtilli della Berry Dealer, che spedisce via aerea in Medio Oriente e in Asia anche i piccoli frutti prodotti nell'Andalusia occidentale, a integrazione della campagna d’esportazione. In ogni caso, gli sforzi del settore per trovare nuove destinazioni per i mirtilli di Huelva, come la recente apertura del mercato brasiliano, offrono all’azienda nuove opportunità d’esportazione.

"Abbiamo avviato i primi contatti con il Brasile, dove pensiamo di avere delle possibilità; per riuscire ad accedervi, stiamo studiando il protocollo per soddisfare i requisiti richiesti", dice Manuel. "Sono assolutamente convinto che sarà un Paese di cui si dovrà tener conto in futuro".

Per maggiori informazioni 
Manuel Cerpa
BerryDealer
sales@berrydealer.com
M: +34 647207257

Pablo González
M: + 34 657673064
pablogonzalez@berrydealer.com
www.berrydealer.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto