Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Santiago Vázquez, manager della spagnola La Vega de Cieza

Fino a metà maggio ci sarà una carenza di albicocche di circa il 50 per cento

La campagna delle drupacee è iniziata un paio di settimane fa nella regione di Murcia, in Spagna, con un ritardo di circa 10 giorni rispetto all'anno scorso, anche se molto vicino alla solita data d'inizio. Le condizioni climatiche avverse di quest'anno sono un grande ostacolo per la stagione europea delle drupacee, e le albicocche saranno le più colpite nella maggior parte degli areali produttivi del continente.

"In questa campagna, ci sarà una carenza di albicocche fino alla fine", dice Santiago Vázquez, manager dell'azienda murciana La Vega de Cieza. "Ci sarà una flessione di circa il 50% fino alla metà di maggio, e nella seconda metà del mese ce ne sarà una di circa il 30%. Poi, a giugno, con il passaggio ad altre zone produttive, come Lleida o Aragona, la carenza di albicocche sarà del 40%. La nostra produzione in un'annata normale ammonta a circa 2.800 tonnellate e quest'anno raggiungeremo non oltre le 1.900". 
 
La frutta è stata colpita da una serie di fattori che hanno inciso pesantemente sulla produzione. "Nel nord della Spagna, le perdite sono paragonabili a quelle della prima metà di maggio a Murcia. Qui abbiamo avuto problemi di allegagione, ma il nord ha dovuto affrontare anche il freddo. Questi due fattori porteranno a perdite fino all'80%, secondo le aziende", dice Vázquez. 

La situazione è simile in Francia, in Italia e in altri Paesi del Mediterraneo, dove le gelate tardive di aprile hanno causato perdite sostanziali. "Ci sarà una scarsità di albicocche ovunque. Quando sono necessarie molte zone per rifornire un mercato, come in questo caso, il problema diventa più grande. Le albicocche sono sempre state uno dei prodotti più instabili in termini di volume, poiché sono più sensibili delle pesche o delle nettarine quando si tratta di allegagione. Infatti, gli anni con i prezzi migliori sono sempre stati quelli con grandi carenze", sostiene Vázquez. 
 
Tuttavia, la notevole mancanza di offerta sta anche generando migliori prospettive per la frutta sul mercato, dopo diverse campagne con risultati agrodolci. La speranza è che un aumento dei prezzi possa compensare, anche parzialmente, le perdite di volume. "Le campagne 2018 e 2019, soprattutto quella del 2019, sono state molto difficili. E dopo un periodo in cui molti produttori hanno perso reddito, è necessario un anno con prezzi più alti per recuperare", spiega Vázquez. "Il 2020 è stato un anno accettabile, ma c'erano ancora produttori con debiti bancari non pagati dall'anno precedente. E dobbiamo ricordare che i produttori sono il vero motore di questo settore". 
 
"A volte, i massimali sono fissati sui prezzi dai distributori, ma alla fine, una parte delle perdite dovrà essere recuperata in questo modo. Tuttavia, questo dipenderà dalla situazione di ogni produttore. Solo quelli che hanno perdite limitate e che possono approfittare di un mercato più forte potranno ottenere un profitto. Ma non è il caso della maggior parte di loro, poiché con una perdita del 50%, non sarà facile ottenere un prezzo più alto del 100%", sottolinea il direttore di La Vega de Cieza. "Quello che è certo è che, indipendentemente dalla redditività raggiunta dai produttori di albicocche, ci sarà almeno un 'effetto richiamo' che aiuterà nella vendita di altri prodotti che possono avere un mercato più lento".

Una campagna ancora da scrivere
Come sottolinea Vázquez, nonostante il basso volume previsto finora, il mercato ha mostrato grande interesse per le drupacee regionali. "Per il momento, la commercializzazione sta andando bene. L'anno scorso, il clima in aprile era più caldo; quest'anno è più freddo, ma data la scarsità, ad oggi la situazione è molto simile a quella della scorsa stagione. Infatti, La Vega de Cieza lavora con i supermercati di quasi tutta l'Europa e abbiamo già iniziato a rifornire ogni Paese: Germania, Regno Unito, Francia. Il 90-95% della nostra merce viene commercializzata in Europa, e di questa percentuale, l'80% viene spedito fuori dalla Spagna". 
 
E mentre per la stagione delle albicocche si prospettano sfide notevoli, la campagna delle drupacee "è ancora tutta da scrivere", sottolinea il manager. "La prospettiva è che nonostante la mancanza di albicocche, così come di altri prodotti, comprese le nettarine, avremo una campagna decente entro il 15-20 maggio, almeno a livello di produzione. Ora dobbiamo solo aspettare e vedere se il meteo e il mercato ci permettono di avere una stagione decente e, almeno, coprire tutte le spese e pagare i nostri prestiti, che è l'obiettivo più importante", conclude Vázquez. "Al momento, non sono pessimista sulla situazione. Per niente".

Per maggiori informazioni:
Santiago Vázquez
La Vega de Cieza
+34 968455779
santiago@vegacieza.com
www.vegacieza.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto