Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Fraunhofer Institute

Rivestimenti in carta bioattiva per sostituire la plastica nelle confezioni per alimenti

La mole dei rifiuti in plastica non correttamente avviati al riciclo aumenta ogni anno. Alcuni di questi rifiuti sono dovuti agli imballaggi in plastica utilizzati per proteggere gli alimenti. Nell'ambito del progetto "BioActiveMaterials", i ricercatori della Fraunhofer-Gesellschaft hanno sviluppato un rivestimento ecologico per gli imballaggi in carta. Questa soluzione non solo consente di risparmiare la plastica, ma il rivestimento di proteine e cere di origine vegetale prolunga anche la durata di conservazione dell’alimento contenuto nel pack. Dopo l'uso, l'imballaggio può essere buttato nel cestino del riciclo della carta per lo smaltimento.

Al giorno d'oggi, chi acquista cibo nei discount compra sempre anche gli imballaggi in plastica che lo contengono. Tuttavia, le plastiche a base di oli minerali stanno solo contribuendo a far aumentare la montagna di rifiuti. In Germania, nell'anno 2017, è stato prodotto un totale di 38,5 chilogrammi di rifiuti di imballaggi in plastica pro capite. Questi rifiuti di plastica, se non correttamente riciclati, finiscono a galleggiare negli oceani o vengono esportati in Paesi asiatici o africani per lo smaltimento. Esposti a fattori ambientali, questi rifiuti si scompongono in microplastiche, che alla fine rientrano nella catena alimentare. Ridurre gli imballaggi in plastica anche nel settore alimentare, quindi, è assolutamente necessario.

Il Fraunhofer Institute for Process Engineering and Packaging IVV e il Fraunhofer Institute for Interfacial Engineering and Biotechnology IGB hanno presentato una soluzione innovativa e sostenibile per il packaging alimentare. Proprio come con la confezione convenzionale, questa soluzione mantiene il cibo più fresco più a lungo. La nuova confezione, tuttavia, non prevede plastica e, dopo l'uso, può essere riciclata senza problemi.

Proteine, cere e antiossidanti come rivestimento
Nel progetto “BioActiveMaterials”, i ricercatori utilizzano la carta come base per la produzione di materiali per l’imballaggio tradizionale: sacchetti richiudibili o carta da imballaggio. La carta è dotata di uno speciale rivestimento che utilizza processi standard. I ricercatori realizzano questo rivestimento da proteine e cere con additivi biobased. La speciale formulazione di questo rivestimento offre stabilità a lungo termine e svolge più funzioni contemporaneamente.

Le carte patinate sviluppate nell'ambito del progetto “BioActiveMaterials” sono un'alternativa all'imballaggio attualmente utilizzato per tutti i tipi di alimenti, non importa se frutta e verdura, carne e pesce, formaggio o dolciumi. I consumatori possono conservare e gestire gli alimenti confezionati in carta allo stesso modo di quelli confezionati in plastica. "I nostri imballaggi a base di carta sono adatti anche per merci che devono essere refrigerate, come ad esempio la carne. Viene conservata la funzione antiossidante", aggiunge Müller. Questa confezione può essere utilizzata perfino per alimenti surgelati. "Dopo l'uso, l'imballaggio va nel cestino della carta, il rivestimento è biodegradabile e non ne impedisce il riciclo", dice Cornelia Stramm, capo del dipartimento del Fraunhofer Institute for Process Engineering and Packaging IVV.

Clicca qui per leggere il testo integrale.

Per maggiore informazioni:
Karin Agulla
Fraunhofer Institute for Process Engineering and Packaging IVV
Giggenhauser Straße 35
85354 Freising, Germany
Phone +49 8161 491-120
Fax +49 8161 491-222
Web: ivv.fraunhofer.de


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto