Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Ricerca dell'Università di Guelph, Canada

Dall'avocado un trattamento contro la leucemia

Secondo un nuovo studio dell'Università di Guelph, un composto contenuto negli avocado potrebbe indicare un trattamento migliore contro la leucemia.

"Il composto prende di mira un enzima che gli scienziati hanno identificato, per la prima volta, come critico per la crescita delle cellule tumorali", ha affermato Paul Spagnuolo del dipartimento di Scienze alimentari.

Pubblicata di recente sulla rivista Blood, la ricerca si è concentrata sulla leucemia mieloide acuta (AML), che è la forma di leucemia più devastante. La maggior parte dei casi colpisce persone di età superiore ai 65 anni, e meno del 10% dei pazienti sopravvive cinque anni dopo la diagnosi.

Le cellule leucemiche hanno quantità più elevate di un enzima chiamato VLCAD, coinvolto nel loro metabolismo, secondo Spagnuolo.

"La cellula si affida a questo percorso per sopravvivere", ha detto Spagnuolo, spiegando che il composto è un probabile candidato per la terapia farmacologica.

Tra i numerosi composti, il team di ricercatori ha esaminato quelli nutraceutici, cercando qualsiasi sostanza che possa inibire questo enzima. "Il composto migliore è risultato quello contenuto nell'avocado", ha detto Spagnuolo.

Foto: Dr. Paul Spagnuolo / Università di Guelph

In precedenza, il team di Spagnuolo ha esaminato l'avocatina B, una molecola di grasso presente solo negli avocado, con un potenziale utilizzo nella prevenzione del diabete e nella gestione dell'obesità. Ora è ansioso di usarla nei pazienti leucemici.

"VLCAD può essere un buon marker per identificare i pazienti adatti a questo tipo di terapia. Può anche essere un indicatore per valutare la funzione del farmaco", ha detto Spagnuolo. "Questo pone le basi per l'eventuale utilizzo di questa molecola negli studi clinici sull'uomo".

Attualmente, circa la metà dei pazienti con più di 65 anni con diagnosi di LMA, è sottoposto a cure palliative. Altri si sottopongono alla chemioterapia, ma i trattamenti farmacologici sono tossici e possono finire per uccidere i pazienti.

"C'è stata pressione affinché si trovassero farmaci meno tossici". Riferendosi al lavoro precedente che utilizzava l'avocatina B nella prevenzione del diabete, Spagnuolo ha detto: "Abbiamo completato uno studio sull'uomo con questo integratore orale e siamo stati in grado di dimostrare che quantità apprezzabili sono abbastanza ben tollerate".

Questo studio è stato finanziato in parte dalla Leukemia Research Foundation, dalla Cancer Research Society e dall'Ontario Institute for Cancer Research.

Spagnuolo è coautore dello studio con Matthew Tcheng e Alessia Roma, dottorandi di ricerca dell’Università of Guelph, l'ex dottorando Nawaz Ahmed e il tecnico Preethi Jayanth. Altri coautori sono ricercatori presso l'Università di Waterloo, la Western University, la McMaster University, l'Università del Colorado e l'Università di Pittsburgh.

Il team dell'Università di Guelph ha anche lavorato con i medici del Princess Margaret Hospital di Toronto.

Per maggiori informazioni:
Paul Spagnuolo
Department of Food Science - University of Guelph 
paul.spagnuolo@uoguelph.ca


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto