Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Justo Redondo, Nogal Fruits

Estremadura, Spagna: atteso calo del 25% nel raccolto di susine

In Estremadura, la fioritura delle drupacee è andata bene, grazie alle molte ore di freddo avute in inverno, alle piogge e alla buona impollinazione. Uno sviluppo così, senza intoppi e omogeneo, non si vedeva da molto tempo. Ma l'abbassamento della temperatura della settimana scorsa ha portato una brusca presa di coscienza in materia di aspettative. Molti fiori sono caduti dagli alberi, e la gravità dei danni varia anche da zona a zona. In ogni caso, le previsioni del raccolto devono essere riviste. In Estremadura, come in quasi tutte le zone di produzione europee, il frutto più colpito è l'albicocca. Nel caso delle susine, la frutta a nocciolo più importante della regione in termini di volume, ci si aspetta un calo delle rese di circa il 25-30%.

"Ma la situazione non è la stessa in tutti i luoghi. In alcune zone, gli alberi sono ancora pieni di fiori, mentre altri coltivatori stanno affrontando perdite significative - afferma Justo Redondo, manager di Nogal Fruits - Nella zona di Vegas Altas probabilmente avremo un buon raccolto, mentre a Vegas Bajas sarà più basso. L'anno scorso è stato esattamente il contrario".

In questo periodo dell'anno, l'albicocca è più suscettibile a queste condizioni climatiche. Gli alberi di albicocco erano quelli più avanti nella fioritura, quindi sono stati colpiti più duramente. "Quest'anno abbiamo perso praticamente tutta la produzione. Quest'anno sarà difficile trovare albicocche, sia a causa della scarsa allegagione sia per via dei danni agli alberi da frutto nella maggior parte delle regioni europee di coltivazione".

Nel caso delle susine, di cui la provincia di Badajoz è la principale zona di coltivazione in Europa, il coltivatore ed esportatore riferisce che il raccolto potrebbe subire una riduzione del 25-30%, soprattutto per le varietà più precoci come la Black Splendor. "Per quanto ci riguarda, tuttavia, questa circostanza ci ha fatto risparmiare sui costi di diradamento - afferma - In arrivo c'è un altro periodo difficile che dovremo affrontare, cioè quello delle piogge e della grandine. Ma se tutto va bene, possiamo aspettarci lo stesso raccolto dell'anno scorso o anche un po' di più". La raccolta inizia a metà giugno.

L'anno scorso, le rese delle susine sono diminuite di circa il 30% a causa delle condizioni meteo e dell'estirpazione di oltre 2.000 ettari di lotti di terreni a causa degli scarsi risultati delle stagioni precedenti. Eppure, le vendite hanno comunque incontrato delle difficoltà dovute alla chiusura del mercato brasiliano. "L'anno scorso non è stato facile, perché non potevamo contare sul Brasile per le esportazioni. Ma quest'anno possiamo di nuovo rivolgerci a questo mercato, che è molto importante per noi. Perciò non siamo poi così pessimisti", dice Justo Redondo.

Tra le altre drupacee, sono stati colpiti anche i fiori delle pesche tabacchiere, quindi si prevedono volumi più bassi anche per questo frutto. Per il momento, le nettarine e le pesche sembrano avere un raccolto normale.

Per maggiori informazioni:
Justo Redondo López
Nogal Fruits
+34 927117017
export@nogalfruits.com
www.nogalfruits.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto