Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Problemi per la banca sudafricana Land Bank: conseguenze negative per tutto il settore agricolo

Martedì, l'agenzia Moody's ha ritirato tutti i rating della Land Bank un giorno prima della scadenza del termine, quando la banca avrebbe dovuto elaborare un piano di ristrutturazione del debito di 50 miliardi di rand (2,89 miliardi di euro) nei confronti della South African Reserve Bank.

"Moody's non ha dato una ragione precisa per la revoca del rating del credito della Land Bank", scrive Ray Mahlaka sul Daily Maverick. "[È] importante per il sistema di sicurezza alimentare del Sudafrica, perché fornisce il 28% del debito agricolo del Paese agli agricoltori emergenti e affermati".

Solo il mese scorso, la Land Bank aveva ricevuto un sostegno da parte del governo di 7 miliardi di rand (405 milioni di euro), in aggiunta ai 3 miliardi di rand (173 milioni di euro) dello scorso anno, nonostante l’inadempienza del debito di un anno fa.

Reuters ha riferito che il capo del credito di una società di gestione patrimoniale, che è uno dei creditori della Land Bank, ha affermato che "il degrado può essere rapido", per l'istituto finanziario.

L'Industrial Development Corporation è intervenuta con un fondo da 1 miliardo di rand (quasi 58 milioni di euro) per gli agricoltori su piccola scala, ha annunciato poche settimane fa il Dipartimento dell'agricoltura, della riforma agraria e dello sviluppo rurale.

Sul sito web, la Land Bank viene ancora definita come “un istituto finanziario di sviluppo sudafricano al servizio di tutti gli agricoltori”.

Patrice Motsepe: riforma agraria "estremamente impegnativa"
La fondazione gestita da Patrice Motsepe, primo miliardario nero sudafricano, ha recentemente definito il processo di riforma agraria in Sudafrica "estremamente complesso e impegnativo".

All'inizio del mese scorso, la Fondazione Motsepe ha rilasciato una dichiarazione secondo cui, nonostante i numerosi incontri avuti negli ultimi diciotto mesi con re, regine, leader tradizionali e altri stakeholder rurali e urbani, il programma di partenariato per lo sviluppo sostenibile dell'agricoltura e della riforma agraria tra la Fondazione, AgriSA e i leader tradizionali ha incontrato delle difficoltà riguardo all'acquisizione e alla fornitura dei titoli di proprietà e altre garanzie fondiarie.

"[Questo] ha reso difficile per le banche e altre istituzioni finanziarie fornire credito a progetti di riforma agraria e fondiaria, in collaborazione con la Fondazione Motsepe, le comunità tradizionali e AgriSA", continua Motsepe.

La Fondazione Motsepe così come "i re, le regine, i leader tradizionali e le loro comunità e Agri SA devono imparare ancora molto, ma continuano a fornire un contributo al processo di riforma agraria e fondiaria in Sudafrica".

L'accesso al capitale è la principale questione sollevata nelle discussioni sulla partecipazione economica degli agricoltori neri al settore.

Nel Capo Orientale ci sono agricoltori che coltivano agrumi nella stessa azienda agricola da 25 anni e non sono ancora i proprietari delle proprie rispettive aziende agricole, nonostante anni e anni di tentativi. Ciò significa che non possono fornire alcuna garanzia per poter raccogliere capitali, e hanno bisogno di partnership tra confezionatori ed esportatori con agrumicoltori neri che garantiscano sulle operazioni.

Ora probabilmente diventerà ancora più oneroso, per gli agricoltori neri, raccogliere capitali attraverso la Land Bank, di proprietà dello Stato.


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto