I mandarini spagnoli chiudono la stagione con prezzi piu' alti mentre le vendite di arance rimangono stagnanti

La stagione dei mandarini e delle clementine spagnole è quasi terminata, mentre le arance rimarranno disponibili fino alla fine di luglio. I mandarini stanno andando bene, in questa fine di stagione, mentre in generale per le arance non ci sono grandi margini di profitto.

Sono attualmente in vendita gli ultimi mandarini Nadorcott e Orri e, sebbene la maggior parte sia già stata raccolta, ci sono ancora alcuni lotti in giacenza per il mese di aprile. Nella seconda parte della stagione, appena esaurite le scorte di Clemenules, i prezzi d’acquisto hanno cominciato a salire, soprattutto per Tango, Nadorcott e Orri, una tendenza che è continuata fino alla fine della campagna. Per il Nadorcott e il Tango, ad esempio, i prezzi sono passati da circa 0,60 euro al chilo a circa 1,00 euro al chilo.

Sebbene all'inizio i prezzi fossero più bassi, nelle ultime settimane la domanda è aumentata e le quotazioni sono risalite nell'ultima parte della campagna. "La stagione del mandarino è finita bene", afferma un produttore ed esportatore valenciano. "Non abbiamo più scorte di Nadorcott e Orri, ma se ne avessimo alcune ad aprile e maggio le venderemmo senza problemi e a prezzi più alti. Chi non ha fretta di vendere la frutta e può conservarla più a lungo, riuscirà a collocarla a condizioni migliori", dice il coltivatore ed esportatore.

In effetti, ci sono già diversi coltivatori che pianificano le loro produzioni in modo tale da consentire loro in futuro di prolungare i raccolti. "Nella prossima stagione, penso che sarà fondamentale rallentare il raccolto delle varietà tardive, una cosa che si può ottenere con una buona gestione del campo", afferma il coltivatore ed esportatore.

Le arance invece non stanno andando bene, almeno per i commercianti, che riescono a ottenere profitti molto limitati. Questa è una situazione molto diversa da quella osservata nello stesso periodo della scorsa stagione, quando la domanda di arance, la cui produzione era anche più limitata, è aumentata a causa dell'impatto della pandemia, e anche i prezzi di vendita sono saliti.

Al momento, le arance Navel Powel, Chislet e Barnfield vengono vendute principalmente a quegli acquirenti che sono disposti a pagare un po' di più per la produzione spagnola. Quest'anno la concorrenza delle arance egiziane sui mercati europei è più dura del solito. In questa stagione, la produzione di arance egiziane è tra il 20 e il 30% in più. Inoltre, circa il 70-80% delle loro arance ha raggiunto calibri medi e piccoli, che non trovano uno sbocco commerciale sui mercati asiatici.

"I prezzi a cui acquistiamo le arance all'origine sono piuttosto alti, e sviluppare un profitto dalla loro vendita è davvero difficile. A volte, siamo persino costretti a vendere a prezzo di costo. La verità è che il commercio di arance è rimasto piuttosto stagnante per l'intero settore", afferma un commerciante.


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto