Jean-Pierre Dalle, di Santerleg

Francia settentrionale: termina la campagna delle verdure invernali

Durante l'inverno, l'indivia è un prodotto importante, per Santerleg, una società della Francia settentrionale specializzata in verdure. Attualmente, il mercato è piuttosto tranquillo. "Ciò può essere spiegato dal fatto che, negli ultimi dieci giorni, il clima è stato mite. Infatti, l'indivia viene consumata maggiormente quando fa freddo. Inoltre, è anche periodo di vacanze scolastiche e ciò garantisce sempre che sul mercato regni la calma". A spiegarlo è Jean-Pierre Dalle, rappresentante vendite della società.

Indivia biologica

Calibri grandi
Maggio 2020 è stato un mese molto secco, mentre a ottobre il clima è stato molto umido. Di conseguenza, Santerleg ha cominciato a raccogliere le radici di indivia con oltre 15 giorni di ritardo. "Come risultato, le radici sono piuttosto grandi. Ciò potrebbe essere un bene per il produttore, che dispone di volumi più grandi del normale, ma porterà a un incremento nella produttività di oltre il 5% e a indivia di dimensioni più grandi".

Indivia coltivata a pieno campo

Per quanto riguarda i prodotti derivati dall'indivia (Barbuçine, Carmine o Pissenlit blanc), Jean-Pierre parla di un effetto Covid-19. "Solitamente vendiamo oltre il 50% dei nostri prodotti di nicchia ai ristoranti, che da oltre 4 mesi sono chiusi. Questi volumi non possono essere compensati dal settore di vendita al dettaglio. Stiamo pertanto affrontando un calo nella domanda di oltre il 30%".

Carmine e Barbuçine 

Oltre all'indivia e alle specialità, Santerleg offre anche un'ampia gamma di verdure invernali. La stagione del cavolo francese è quasi terminata. "La stagione d'importazione comincerà il 1 aprile per il cavolo cappuccio (Paesi Bassi e Belgio). Per quanto riguarda il cavolo rosso, cominceremo con le importazioni all'inizio di marzo. I volumi di porri sono stati limitati, quest'anno. Tra qualche settimana termineremo la stagione nella Francia settentrionale con buoni prezzi, che sono aumentati notevolmente quando le temperature sono scese al di sotto dello zero a metà febbraio".

Porri, cavoletti di Bruxelles e tarassaco

Cavolo cinese

Grandi volumi di sedano rapa
"Per quanto riguarda il sedano rapa, la campagna 2019/20 è stata molto buona, quindi i produttori ne hanno piantato di più, ma la domanda attuale è più bassa di quella dell'anno scorso. C'è ancora molto prodotto nelle scorte. I prezzi al produttore sono del 20% inferiori rispetto all'anno scorso".

Lo stabilimento a Monchy-le-Preux

Un mercato delle cipolle difficile
Per quanto riguarda le cipolle, Jean-Pierre spiega che il mercato sta affrontando parecchie difficoltà. "Quest'anno la produzione europea è stata molto buona, in termini di resa. I volumi nelle scorte sono alti ovunque, in Europa. La stagione dovrebbe terminare intorno a metà aprile".

Operazioni di carico

Per maggiori informazioni:
Jean-Pierre Dalle
Santerleg
Tel: + 33 (0)3 21 157 157
Email: jpdalle@santerleg.fr 


Data di pubblicazione:
© /



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto