WAPA presenta la previsione annuale della produzione di pomacee dell’emisfero australe

La World Apple and Pear Association (WAPA) ha pubblicato le stime sulla produzione di mele e pere nell'emisfero australe per la prossima stagione. Secondo il rapporto, che rafforza i dati di Argentina, Australia, Brasile, Cile, Nuova Zelanda e Sudafrica, nel 2021 la produzione di mele dovrebbe aumentare del 6% rispetto all'anno precedente, mentre la produzione di pere dovrebbe stabilizzarsi.

Questo rapporto è stato compilato con il supporto di ASOEX (Cile), CAFI (Argentina), ABPM (Brasile), Hortgro (Sudafrica), APAL (Australia) e New Zealand Apples and Pears, e fornisce quindi dati consolidati dei sei principali Paesi dell'emisfero australe.

Il segretario generale di WAPA, Philippe Binard, ha commentato l'utilità di raccogliere i dati di questi importanti produttori: "L'elaborazione di questi dati collettivi si è precedentemente dimostrata un esercizio prezioso per l'industria globale delle mele e delle pere, e una fonte affidabile di informazioni quando la stagione si sposta progressivamente dall’emisfero boreale a quello australe".

Clicca qui per un ingrandimento della tabella

Per quanto riguarda le mele, la previsione aggregata del raccolto dell'emisfero australe del 2021 suggerisce un aumento del 6% (5.090.000 t) rispetto allo scorso anno (4.818.000 t), con aumenti in Australia, Brasile e Sudafrica rispettivamente del 23%, 20% e 6%, una diminuzione in Nuova Zelanda del 5% e dati stabili per l’Argentina e il Cile. Il dato aggregato è aumentato del 2% rispetto alla media dei raccolti tra il 2018 e il 2020.

Il Cile rimane il più grande produttore di mele dell'emisfero australe nel 2021 con 1.512 milioni di ton, con il Brasile al secondo posto (1.130 milioni di ton), seguito dal Sudafrica (1.013 milioni di ton), Argentina (617 milioni di ton), Nuova Zelanda (547 milioni di ton) e Australia (271 milioni di ton). La Gala rimane la varietà principale (39%), seguita da Fuji (14%) e Red Delicious (13%). Si stima che i dati sulle esportazioni si stabilizzino a 1.691.562 t, con cifre stabili per il Cile (650.773 ton), un aumento del 4% per il Sudafrica (476.000 ton) e un calo del 7% per la Nuova Zelanda (372.000 ton).

Per quanto riguarda le pere, i coltivatori dell'emisfero australe prevedono una stabilizzazione del raccolto a 1.346.000 ton e un aumento del 2% rispetto alla media complessiva degli anni 2018-2020. Si prevede che l'aumento in Sudafrica, Australia e Argentina rispettivamente del 3%, 2% e 1%, compenserà il calo del 3% e 10% in Cile e Nuova Zelanda.

Come negli anni precedenti, Packham's Triumph e Williams BC / Bartlett sono le varietà principali, rispettivamente con il 36% e il 28%. I dati d’esportazione previsti per le pere dovrebbero aumentare del 6% rispetto all'anno precedente e raggiungere 708,690 ton, con un aumento del 12% per l'Argentina (373,996 ton), del 2% per il Sudafrica (214,361 ton) e un calo del 3% per il Cile (108,315 ton).

Per maggiori informazioni:
World Apple and Pear Association
Tel: +32 2 777 15 80
Email: wapa@wapa-association.org
www.wapa-association.org 


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto