Gabriel Escobar, direttore commerciale di Escobi (Spagna)

Il consumo locale di zucchine aumenta ogni anno e la pandemia ha rafforzato questa tendenza

A gennaio, dopo la bufera di neve e gelo avuta in Spagna, i prezzi delle zucchine, ma anche quelli di melanzane, cetrioli e altre verdure, sono aumentati bruscamente. Attualmente, i prezzi delle zucchine sono tornati alla normalità, ma si tratta di un prodotto volatile, quindi resta da vedere se la media delle quotazioni sarà effettivamente più alta alla fine della stagione.

Anche se i prezzi delle zucchine e di altre verdure invernali sono stati alti, non ci si aspetta che i coltivatori rimanderanno la semina di prodotti primaverili come l'anguria. "Un gruppo consistente di coltivatori ha fissato in anticipo una data per l'inizio della semina e cerca di rispettarla, perciò non ci aspettiamo ritardi significativi. Tuttavia, bisogna comunque tener conto del fattore climatico. Le condizioni meteorologiche possono far anticipare o ritardare la semina". A spiegarlo è Gabriel Escobar Fernández, direttore del dipartimento commerciale di Escobi.

L'area di coltivazione delle zucchine continua a crescere, ad Almería. L'azienda Escobi è specializzata nella coltivazione e commercializzazione di questo ortaggio. Le zucchine rappresentano il 35-40% dei quasi 60 milioni di kg di frutta e verdura che l'azienda coltiva e lavora annualmente.

"Lavoriamo con un gruppo di coltivatori che ha fatto delle zucchine la sua specialità e che continua a scommettere su questa coltura anno dopo anno. Nel caso dovessero espandere la loro area di coltivazione, per esempio in seguito all'acquisto di altri terreni, il nostro volume aumenterà. In caso contrario, continueremo a commercializzare almeno la stessa quantità. Tuttavia, le cifre ci dicono che, per quanto riguarda le zucchine, stiamo crescendo leggermente ogni anno - spiega il direttore commerciale dell'azienda - L'alto livello di competenza dei nostri coltivatori permette loro di mantenere la coltura redditizia, nonostante la forte concorrenza sul mercato".

La minaccia reale data dal virus Nuova Delhi, che può devastare la coltivazione delle zucchine, non ne ha paralizzato la crescita, per il momento. Secondo Gabriel Escobar: "Possiamo dire che l'eccellente lavoro dei nostri coltivatori ci ha permesso di controllare sufficientemente il virus e che non è una limitazione per noi continuare a coltivare".

Secondo il responsabile commerciale, la zucchina è un prodotto versatile e il suo consumo cresce anno dopo anno. "Inoltre, la pandemia ha persino aumentato il consumo domestico ed è possibile che questo aumento permanga pure in futuro".

Frutas Escobi esporta le sue zucchine principalmente nei mercati dell'Europa occidentale e settentrionale. Gabriel conclude affermando: "Continuiamo a registrare una crescita in quasi tutti i mercati".

Per la vendita nei Paesi Bassi:
Juan Romero
Zoutewelle
Tel: +31 (0)180 642336
Email: juan.romero.cabrera@zoutewelle.com 
Web: www.zoutewelle.nl

Verkoop Nederland:
Juan Romero
Zoutewelle
Tel: +31 (0)180 642336
juan.romero.cabrera@zoutewelle.com 
www.zoutewelle.nl


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto