Il governo tedesco approva la legge per bandire il glifosato a partire dal 2024

I coltivatori tedeschi dovranno ridurre gradualmente il loro utilizzo di glifosato per poi dismetterne completamente l'impiego a partire dal 2024, al fine di preservare gli habitat degli insetti. I coltivatori hanno criticato la legge, dicendo che mette a rischio i mezzi di sussistenza delle aziende agricole a conduzione familiare e che, per preservare la biodiversità, è più efficace la cooperazione tra agricoltori e ambientalisti che non i divieti.

Attorno al glifosato, sviluppato per la prima volta dalla Monsanto-Bayer con il marchio Roundup, si è generato un intenso dibattito globale da quando, nel 2015, un'agenzia dell'Organizzazione mondiale della sanità ha concluso che potrebbe provocare il cancro.

Sebbene le autorità responsabili della regolamentazione di tutto il mondo abbiano stabilito che il glifosato è sicuro, Bayer ha liquidato quasi 100.000 cause legali negli Stati Uniti, per 10,9 miliardi di dollari, respingendo le affermazioni secondo cui Roundup avrebbe causato il cancro.

Secondo la proposta di legge tedesca, in alcune aree sarà vietato l'uso di erbicidi e insetticidi che possono danneggiare le api. Inoltre, per ridurre l'inquinamento luminoso, saranno vietate nuove installazioni di alcuni tipi di illuminazioni.

Secondo reuters.com¸ Joachim Rukwied, capo dell'associazione degli agricoltori tedeschi, ha affermato che la proposta di legge è stato il modo sbagliato per ottenere una maggiore protezione ambientale, e ha aggiunto: "Una collaborazione tra agricoltura e conservazione, con obiettivi, misure e incentivi comuni, sarebbe molto più efficace".

La legge deve ancora essere approvata sia dalla Camera bassa, il Bundestag, che dalla camera alta, Bundesrat, un iter che in genere richiede diversi mesi.

Fonte della foto: Dreamstime.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto