Ilil Hertz sull'avvio di una serra

'Dopo molte ore davanti al computer, ora sono di nuovo a contatto con la natura'

Anni e anni fa, nel kibbutz Nir Elyahu, costruito dai nonni di Ilil Hertz, c'erano le mucche, ma ora non è più un posto per loro. All'inizio di quest'anno, nel giro di due settimane, è stata costruita una serra di 500 metri quadrati. All'interno un sistema di coltivazione idroponica TAPKIT, dove l'ex grafica ora coltiva Bok Choy, meglio noto come cavolo cinese. "Prima passavo molte ore davanti al mio computer, ora sono di nuovo a contatto con la natura".

Kibbutz Nir Elyahu
Ci sono filari di piante di bok choi che crescono in una serra molto pulita e dall'aspetto nuovo nel kibbutz Nir Elyahu, nella regione di Sharon, in Israele. La serra è un sistema TAPKIT, che consente a un'unità idroponica di 500 mq di produrre 6-12 tonnellate l'anno di verdure a foglia ed erbe aromatiche fresche. Ilil Hertz ha avviato questo nuovo progetto insieme a suo marito, lavora nella serra e si occupa delle attività quotidiane.

"Mi sveglio presto la mattina, vado in serra e controllo l'acqua, mi assicuro che tutto funzioni e che le piante stiano bene. Parlo alle mie piante come se fossero i miei bambini, come se avessi altri figli", ride Ilil. E anche se, a causa del lockdown di marzo, i suoi tre figli sono rimasti a casa, Ilil è molto felice di aver iniziato questa nuova attività. Non solo i figli le sono di grande aiuto, ma la sua transizione per diventare una coltivatrice è stato un cambio di carriera necessario.

"Ho lavorato come grafica. Passare molte ore davanti al mio computer era una situazione che volevo cambiare. Ora posso muovermi e non sto ferma tutto il giorno. E' un inizio, ma penso sia un buon inizio. Mi piace molto il mio lavoro".

Kibbutz
Nonostante l'industria orticola sia una novità per Ilil, la coltivatrice ha già acquisito una certa esperienza nel settore agricolo. Il TAPKIT è stato realizzato presso il kibbutz, che è stato costruito dai suoi nonni. "Mia madre, mio padre e la mia famiglia vivevano lì ed erano circondati da campi di arance e avocado. Abbiamo vissuto nella natura. E' qui che è iniziato il mio rapporto stretto con la natura. Mi sono allontanata da questa dimensione naturale quando studiavo all'università, e ora avevo bisogno di tornarci".

Quando ha sentito parlare del TAPKIT, era scettica. "Ero curiosa, come posso fare un progetto come questo da sola? In realtà si è rivelato piuttosto semplice", racconta ora Ilil. "Ho avuto il necessario supporto, inclusa l'app per la coltivazione. Il team di TAPKIT ti guida e ti dice cosa fare. Non ti lasciano da solo".

Questo aiuto è iniziato quando è arrivata la serra. Il sistema TAPKIT include tutto: la costruzione, la lamina, il sistema idrico. Ci sono voluti 12 giorni per costruire l'intera serra. "Puoi assemblarla da solo, ma abbiamo scelto di farla assemblare dal team TAPKIT. Al kibbutz, dove l'abbiamo costruita, tutti sono rimasti sorpresi dal fatto che sia stato fatto tutto molto velocemente. Il team TAPKIT è arrivato e, nel giro di due settimane, avevamo una serra. In tre settimane c'erano anche le piante. Questo ha sorpreso tutti".

Facile da coltivare
Nella loro serra, Ilil e suo marito coltivano verdure a foglia verde. Poiché è la loro prima esperienza nel settore idroponico, hanno deciso di scegliere un raccolto facile. "Il primo è il Bok Choy, molto utilizzato dai ristoranti giapponesi e cinesi".

Le verdure saranno vendute direttamente a ristoranti e negozi di prodotti locali, una rete di vendita che Ilil sta sviluppando. "Potremmo vendere i nostri prodotti al mercato tradizionale, ma preferiamo gli acquirenti locali. C'è un ristorante appena fuori dalla serra che ha verificato che potevamo coltivare tutto ciò di cui aveva bisogno. Alcune colture le coltiviamo appositamente per loro, in modo che abbiano a disposizione ortofrutta fresca ogni giorno. Per noi la situazione ideale sarebbe fornire un paio di ristoranti e avere un numero limitato di acquirenti che viene a comprare direttamente da noi. Ci basterebbe questo", spiega Ilil.

Per maggiori informazioni
Teshuva Agricultural Projects
60 Nof Harim St., Olesh
42855 Israele
Tel.: +972 9 8940507 / +972 50 7922579
Email: avner@taprojects.com
Web: www.tapkit-hydroponics.com


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto