Visita virtuale ai fornitori di mele moldavi: compila il form entro il 15 febbraio 2021

Nel 2020, con oltre 185 tonnellate di esportazioni di mele, la Moldova è stata uno dei primi 10 Paesi attivi nel commercio internazionale delle mele. L'agricoltura del paese ha investito negli ultimi anni in nuove tecnologie di coltivazione, raccolta, movimentazione post-raccolta, imballaggio e logistica. Il 18 febbraio 2021, tutti avranno la possibilità di fare un tour virtuale nei tre siti di produzione moldavi.

Le aziende moldave hanno apportato una serie di trasformazioni per adattarsi agli standard internazionali, dalla semina alla consegna. "Ogni anno, i potenziali acquirenti che visitano il nostro Paese sono stupiti nel vedere le nostre strutture e l'eccezionale qualità della frutta che la Moldova può offrire", dice Adrian Cojocaru, direttore marketing della Moldova Fruct. Oltre alle mele, i principali frutti esportati sono uva da tavola, susine, amarene e albicocche.

"Credo ci siano grandi opportunità per le mele moldave sul mercato britannico e scandinavo. La concorrenza è agguerrita, ma il sapore dei nostri frutti può davvero fare la differenza. Sono ottimista anche per il mercato tedesco, soprattutto considerando il fatto che negli ultimi anni siamo riusciti a stabilire solide partnership con diversi commercianti tedeschi, verso i quali abbiamo esportato quantità crescenti di susine", afferma Cojocaru.

La superficie totale dedicata alla produzione di mele non è cambiata molto nell'ultimo decennio, tuttavia l'export è più che raddoppiato. Dal 2015 al 2019, le esportazioni di mele moldave sono aumentate del 125%, rendendolo uno dei Paesi esportatori di mele con la crescita più rapida in tutto il mondo. Secondo Cojocaru, questo è accaduto perché "sono stati effettuati enormi investimenti in frutteti all'avanguardia, moderne strutture di conservazione refrigerata e, soprattutto, nella formazione di coloro che sono coinvolti nell'attività".

Riguardo all'esportazione in Ue e Regno Unito, Cojocaru dice: "Grazie all’Accordo di libero scambio con l'Ue, possiamo esportare 40mila tonnellate di mele in esenzione da dazi doganali. Dopo la Brexit, 2.000 tonnellate di mele sono esenti dai dazi doganali nel Regno Unito. Pertanto, ci sono buone prospettive per lo sviluppo delle esportazioni nell'Ue. E' vero che attraversare il nostro confine con l'Ue (la Romania, nel nostro caso) potrebbe richiedere del tempo, ma una buona programmazione può aiutare a evitare qualsiasi problema nelle consegne just-in-time".

L'evento virtuale si svolgerà il 18 febbraio alle 11,00 (ora della Moldova, GMT + 2). L'evento ha una durata programmata di 90 minuti.

L'evento si compone di quattro parti:

  • Un discorso introduttivo sulla Moldova e sull'associazione dei produttori ed esportatori di frutta della Moldova.
  • Visite guidate virtuali a tre importanti produttori di mele moldavi.
  • Una sessione di domande e risposte
  • Scambi di contatti e discussioni B2B

Per partecipare all'evento è necessario compilare il form entro il 15 febbraio.

Per maggiori informazioni:
Adrian Cojocaru
Moldova Fruct Association
Email: acojocaru@moldovafruct.md 
Viber/WhatsApp: +373 69140614
Tel: +373 60429929


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto