La Cina e' il primo produttore ed esportatore di funghi del mondo

Lo scorso anno, la maggior parte delle fiere e delle attività collegate ai funghi edibili sono state annullate o ritardate, a causa dell'epidemia di Covid-19. Ora che la situazione in Cina sta migliorando, alcune di queste attività sono riprese.

La China Edible Fungi Association organizzerà il terzo vertice internazionale sui funghi a Lianyungang City, Jiangsu, nel settembre 2021. In qualità di principale ente organizzativo, la China Edible Fungi Association si sta già preparando. Zheng, un portavoce dell'associazione, ha recentemente parlato dell'attuale situazione dell'industria cinese dei funghi commestibili.

"La Cina ha una ricchezza di risorse naturali adatte alla produzione di funghi. Nel 2019, l’industria ha prodotto un totale di 38,6 milioni di tonnellate di funghi, più del 70% del volume prodotto a livello globale. Alcune di queste varietà hanno volumi di oltre 1 milione di tonnellate ciascuna, tra cui il fungo giapponese Shiitake (Lentinula edodes), l'orecchio di Giuda (Auricularia auricula), il fungo ostrica (Pleurotus ostreatus), l’Enoki (Flammulina velutipes), lo champignon (Agaricus bisporus), il cardoncello (Pleurotus eryngii) e il fungo dell'orecchio delle nuvole (Auricularia polytricha).

"Inoltre, dopo alcune innovazioni nella selezione e coltivazione del micelio, ogni anno sono aumentati i volumi di produzione di funghi rari come l’oyster golden (Pleurotus citrinopileatus), le spugnole (morchella), Stropharia rugosoannulata e il Lingzhi (Canoderma lucidum)". Secondo Zheng, "la Cina ha una ricchezza di risorse naturali e un enorme volume di produzione, ma la domanda da parte del mercato estero non è ancora così forte. I funghi commestibili sono venduti soprattutto in Cina".

Alla domanda sui metodi di produzione, il portavoce legale della China Edible Fungi Association, Gao Maolin, ha affermato che "la tecnologia di produzione si è sviluppata rapidamente, negli ultimi 30 anni. I produttori di funghi utilizzano principalmente la coltivazione in serra e in-door. Alcune delle direzioni che la China Edible Fungi Association esplorerà in futuro riguarderanno i prodotti trasformati di alta qualità, come condimenti, medicine, prodotti essenziali quotidiani e prodotti cosmetici".

L'esportazione durante la pandemia
I dati dell'Amministrazione generale delle dogane cinesi mostrano che, nel 2019, la Cina ha esportato oltre 693mila tonnellate di funghi commestibili, rappresentando oltre il 56,4% del volume del commercio globale per questi prodotti.

Alla domanda sull'impatto della pandemia, Zheng ha spiegato, "il Covid-19 ha avuto conseguenze sulle spedizioni e sulla domanda del mercato estero. C'è stata un'enorme pressione sul mercato d’esportazione dei funghi edibili. Le spedizioni in Europa e negli Stati Uniti sono risultate leggermente inferiori rispetto agli anni precedenti. Tuttavia, la domanda proveniente dai Paesi asiatici, come Corea e Giappone, è rimasta particolarmente alta. Questo perché i funghi sono un elemento comune delle cucine asiatiche tradizionali. I clienti asiatici sono più consapevoli dei benefici sulla salute dei diversi funghi. Ecco perché il volume delle esportazioni verso questi Paesi non è diminuito durante la crisi sanitaria globale, ma invece è aumentato", ha detto Zheng.

Gao ha anche parlato delle diverse condizioni d'esportazione per le varietà di funghi: "L'esportazione di funghi cinesi in Giappone, Corea del Sud, Malesia e Filippine riguarda principalmente gli Shiitake essiccati e funghi "orecchio di legno". Le varietà esportate in Russia, Europa, Stati Uniti e Australia includono funghi comuni ed Enoki, conservati nelle celle refrigerate. Oltre a questi funghi molto conosciuti, c'è anche una sempre maggiore esportazione di specialità come Golden oyster e funghi porcini (Boletus edulis), sebbene il loro volume d’esportazione sia ancora relativamente limitato. Speriamo di riuscire a favorire la promozione dei funghi e a farli diventare un elemento comune nelle cucine di tutto il mondo, in modo che più persone possano gustare gli eccellenti sapori di un'ampia varietà di prodotti cinesi".

"Sebbene il volume di produzione dei funghi commestibili cinesi sia abbondante, la gestione delle piantagioni, le tecnologie e le strutture presentano alcune carenze. Speriamo di utilizzare la posizione di leadership della China Edible Fungi Association per organizzare un summit internazionale sui funghi che sosterrà e promuoverà lo sviluppo del commercio internazionale di importanti società del settore", ha affermato Zheng.

La China Edible Fungi Association è il principale gruppo dell'industria cinese dei funghi edibili. L'associazione ricopre il ruolo di vicepresidente della The International Society for Mushroom Science, un'organizzazione senza scopo di lucro con membri volontari di importanti società di produzione, trasformazione e distribuzione, nonché istituti di ricerca e istruzione, cooperative specializzate e associazioni del settore industriale locale.

Per maggiori informazioni:
Mr. Zheng
China Edible Fungi Association
Tel.: +86 13611212110
E-mail: zhongshijunxie@163.com
Website: https://www.cefa.org.cn/syj-door/index.html 


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto