David Franco (Grupo Paloma): "Continua a ridursi la superficie dei pomodori spagnoli, ma aumenta il loro valore"

I consumatori europei non riempiranno i loro cesti di Natale come negli anni scorsi

C'è sempre più incertezza fra i consumatori, a causa delle maggiori restrizioni e delle misure di lockdown applicate nei Paesi dell'Europa settentrionale. In questo periodo dell'anno, gli ordinativi di ortaggi come i pomodori, solitamente hanno un rimbalzo significativo per soddisfare la domanda nei giorni che precedono le festività di Natale e Capodanno, ma quest'anno la crescita è stata più modesta.

"Non solo ci sono le chiusure dei canali di vendita, come ristoranti e hotel o negozi di alimentari, ma è anche molto difficile prevedere come andranno i consumi. Anche se parte della domanda di questi canali si è spostata nella vendita al dettaglio, non credo che questo compenserà le perdite, poiché i consumatori non sono molto ottimisti. Sebbene le vendite siano aumentate rispetto alle settimane precedenti, non sono cresciute come gli altri anni. I carrelli della spesa non vengono riempiti come prima della crisi sanitaria, non c’è più un’atmosfera rilassata", afferma David Franco del dipartimento commerciale del Grupo Hortofrutícola Paloma. L'azienda murciana è attualmente nel clou della campagna del pomodoro.

"La nostra attività è principalmente focalizzata nella fornitura alle grandi catene di distribuzione quindi, in generale, nonostante si tratti di una campagna natalizia più fiacca rispetto agli altri anni, prevediamo livelli di vendita normali, con un balzo di circa il 10% nelle vendite di specialità di pomodoro", riferisce Franco.

La superficie coltivata a pomodori è stata ridotta in Spagna tra l'8 e il 10%, con Almería e Murcia come principali aree di produzione. "Negli ultimi anni è diventata una tendenza. Man mano che perdiamo superficie, aumenta il valore per metro quadrato del nostro prodotto. La crescita della quota di mercato di altri Paesi terzi, come il Marocco o la Turchia, significa che la Spagna produce meno pomodori ma con un valore più alto, poiché abbiamo varietà, tecniche di coltivazione e certificazioni di qualità e sanitarie migliori", continua Franco.

La Brexit porterà effetti immediati in un settore che invece necessita di una pianificazione a lungo termine
"Anche se lo scorso anno la Brexit è stata posticipata di altri 12 mesi, siamo tutti consapevoli che quest'anno, a partire dal 1° gennaio, il Regno Unito lascerà definitivamente l'Ue. Ci siamo preparati ad affrontare i cambiamenti, ad esempio in termini di procedure burocratiche o documentazione per il trasporto, anche se devono ancora essere concordati gli ultimi dettagli sui dazi doganali, che non solo renderanno il prodotto più costoso, ma potrebbero anche dare un vantaggio ai Paesi terzi concorrenti. La verità è che è molto difficile gestire delle misure che entrano in vigore immediatamente, in un settore che invece richiede investimenti e pianificazione a lungo termine".

"Ufficialmente il Regno Unito ha accordi commerciali con altri Paesi terzi fornitori di pomodori, che dà loro un vantaggio in questo mercato. Allo stesso tempo, ma non ufficialmente, gli importatori britannici hanno sviluppato linee di business con queste origini, al fine di garantire la sicurezza delle loro importazioni, e vista l'incertezza che questa situazione ha generato negli ultimi anni. Non sappiamo ancora cosa conterrà l'accordo finale, ma vogliamo tutti continuare a commercializzare con il Regno Unito con le modalità a cui siamo abituati, nonostante i cambiamenti nelle procedure burocratiche e nella documentazione", conclude David Franco.

Per maggiori informazioni
David Franco
Grupo Paloma
Tel.: +34 968590001
Email: davidF@gpaloma.com
Web: www.gpaloma.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto