Avvisi



















Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Le cipolle olandesi verso un nuovo record d’esportazione

In questa stagione, le cipolle olandesi sembrano andare verso nuovi record nei volumi d’esportazione. E' quanto riportato nella newsletter della Holland Onions. Per l'undicesima settimana consecutiva, i volumi superano di gran lunga le 30.000 tonnellate. Le esportazioni sono quindi già superiori dell'11% rispetto alla precedente stagione. All'inizio di ottobre è stato sfondato per la prima volta il tetto delle 40.000 tonnellate.

Ma nella prima settimana di novembre, questo nuovo record è stato subito battuto. Ci sono state ulteriori esportazioni record nel fine settimana, con oltre 46.000 tonnellate. Ogni livello della filiera viene attualmente utilizzato per soddisfare l’enorme richiesta di merce.

Dieci anni di crescita
Dal 2010, c'è stato un aumento sicuro e costante delle esportazioni, di poco meno del 4% all'anno. In alcuni anni, la crescita è stata interrotta solo da raccolti valutati erroneamente. Come nel 2018, quando le scorte della Holland Onions si esaurirono prima del tempo.

A prova di coronavirus
Quest'anno, a causa della pandemia, si sono verificati dei bruschi cambiamenti nella domanda alimentare globale. Ciò ha causato un effetto domino nella catena di fornitura delle cipolle olandesi. I ristoranti e il settore dell'ospitalità hanno chiuso i battenti, inducendo le persone ad acquistare di più nei supermercati.

La domanda dei consumatori si è spostata sui beni di prima necessità. Questi prodotti, come le cipolle olandesi, hanno un buon sapore, una lunga durata e un alto valore nutritivo. Molte persone hanno riscoperto la cucina casalinga, grazie al Covid-19. Questa pandemia ha reso la cucina casalinga estremamente popolare.

Le famiglie amano usare ingredienti freschi e gustosi. C'è anche un grande interesse per il cibo salutare. All'interno dei confini olandesi, la domanda di cipolle è aumentata del 21% nei primi sei mesi del 2020, solo attraverso la spesa quotidiana. E questo modello è riscontrabile in tutto il mondo.

Il Bangladesh tra i primi 10
Per garantire un adeguato approvvigionamento domestico di cipolle, alcuni Paesi, come l'India, sono addirittura passati al congelamento dei prezzi o al divieto d’esportazione delle cipolle. Queste misure sono necessarie, perché le cipolle sono una necessità primaria in questi Paesi. Inoltre, la carenza di cipolle porta direttamente a disordini politici e instabilità.

In un primo momento, sembrava che le esportazioni verso l'India e i Paesi vicini fossero un'opportunità unica. L'India di solito serve i Paesi confinanti. Ma in questa stagione, ancora una volta a causa della carenza locale, le cipolle olandesi sono state inviate in questa regione. Il Bangladesh è spuntato dal nulla e ha importato oltre 17 milioni di kg in sole otto settimane.

Lo Sri Lanka è sulla buona strada per raddoppiare le sue importazioni, in questa stagione. Le Filippine hanno già quasi quadruplicato il volume importato di cipolle olandesi, stabilendosi provvisoriamente alla sesta posizione. Si è aggiunta anche Hong Kong e pure la Cina potrebbe potenzialmente diventare un importante acquirente di cipolle olandesi. Devono solo aprire il suo confine.

Il ruolo dei Paesi Bassi
Fortunatamente, i Paesi Bassi sono stati in grado di intervenire e fornire alle persone in altre parti del mondo una sufficiente quantità di cibo salutare. Non meno del 92% della produzione globale di cipolle viene coltivata e consumata nei mercati locali (local-for-local). Tuttavia, il restante 8% viene commercializzato. Questo commercio si sta rivelando sempre più necessario per colmare le carenze locali.

I Paesi Bassi detengono una quota del 20% di questo mercato, svolgendo da decenni un ruolo pionieristico in questo senso. L'importanza di questo ruolo è evidente. Negli ultimi anni, altri Paesi hanno avuto raccolti scarsi con prodotti base come le cipolle. Quindi optano velocemente alle cipolle olandesi, apprezzandone il buon rapporto qualità-prezzo.

In questa stagione, c'è stata infatti una crescita sostenibile di circa il 6%, in tutti i Paesi. Questo si traduce in esportazioni eccezionali e in costante aumento, che presentano delle opportunità. Le cipolle olandesi stanno diventando più popolari anche nei Caraibi. Quasi tutte le isole di quella regione sono diventate acquirenti abituali.

Giamaica, Haiti e Repubblica Dominicana apprezzano sempre di più questo prodotto. Hanno guadagnato posizioni stabili fra i primi 30 Paesi che acquistano cipolle olandesi. Saint Martin è la parte francese dell’Isola di Saint Martin. Ha fatto il suo debutto nell’elenco delle destinazioni in esportazione, in questa stagione.

Paesi come il Nicaragua e l'Honduras rappresentano particolarmente bene l'America Centrale. Tuttavia, i disordini politici hanno fermato completamente le esportazioni a Panama. Come nella vicina Costa Rica, dove le cipolle olandesi non hanno più un appoggio.

Nuovi mercati
Il Giappone e l'Azerbaigian sono mercati completamente nuovi. Hanno richiesto i primi 100 kg. E, per la prima volta in assoluto, le cipolle olandesi sono arrivate anche in Canada.

E' il terzo anno che gli Emirati Arabi Uniti ritirano 1 milione di kg, lasciando indietro il Brasile, quest'anno.

Insieme alla costa orientale dell'Africa, queste zone del mondo rappresentano un mercato enorme. La domanda dovrebbe aumentare rapidamente nei prossimi anni. Ci sono due requisiti principali per le esportazioni di cipolle: una situazione politica stabile e opportunità logistiche per la fornitura e transito.

Questi requisiti vanno di pari passo con la prosperità e lo sviluppo economico di questi Paesi. Questo è anche il motivo per cui ha senso continuare a lavorare per portare le cipolle olandesi in queste aree del mondo.

Fonte: Holland-Onions.org


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto