Il commento di Frank Ocampo (The Greenery)

Le esportazioni del Brasile in Cina potrebbero stabilizzare i prezzi dei meloni in Europa

La stagione brasiliana dei meloni è a buon punto. I primi frutti sono arrivati al porto di Rotterdam alla fine di agosto e la campagna dovrebbe durare fino all'inizio di febbraio, come al solito. Quest'anno, la fase di transizione tra Spagna e Brasile è stata particolarmente irregolare. Al termine della stagione spagnola e italiana dei meloni, la disponibilità dal Brasile era ancora limitata e la situazione del mercato estremamente preoccupante.

Frank Ocampo

Meno meloni
Il coronavirus ha colpito anche le coltivazioni brasiliane di meloni. La pandemia ha portato i coltivatori a essere più cauti nelle nuove piantagioni, cosa che ha comportato una diminuzione complessiva dei volumi tra il 15 e il 20%. Inizialmente il clima ha preoccupato le due principali regioni di coltivazione del Paese, il Rio Grande do Norte e il Ceara, nel nord-est del Brasile. Il Rio Grande do Norte rappresenta oltre il 70% della produzione totale. Tuttavia, prima dell’inizio della stagione e dopo un lungo periodo di siccità, le piogge sono state provvidenziali.

"E' soprattutto la crisi del coronavirus che ci preoccupa e ci mette in difficoltà", afferma Frank Ocampo dell'azienda olandese The Greenery. "Colpisce vari canali di vendita, come il settore Horeca in Europa. Inoltre, non dobbiamo dimenticare che questa crisi ha colpito pesantemente il Brasile, con una gravità che non ha precedenti. Tutto ciò ha un impatto su vari punti della filiera, ma lavoriamo duramente per assicurarci due spedizioni di meloni a settimana, destinati al mercato del fresco europeo. Queste partenze sono continuate senza problemi dai porti regionali".

Dalla regione di Rio Grande do Norte arriva una gamma completa di meloni. "Produciamo angurie standard, della varietà Quetzali e mini angurie. Offriamo anche meloni con micro-semi, gialli con semi, Piel de Sapo, Harper/Charantais e Galia, oltre ai Cantalupo. Ce ne sono altri, tra cui alcune varietà speciali come i meloni a polpa arancione e i Dino".

Cina
Tuttavia, nel lungo periodo, è previsto un aumento della produzione di meloni in Brasile, così come del consumo, finché il Paese sarà sul mercato. "L'Europa è e rimarrà il mercato più importante ma quest'anno, per i meloni brasiliani, si è aperto anche il mercato cinese", dice Ocampo. A novembre 2019, Brasile e Cina hanno sottoscritto un accordo commerciale che consente di esportare le pere cinesi in Brasile e i meloni brasiliani in Cina.

I primi meloni sono arrivati in Cina per via aerea. "Si spera che i brasiliani aumentino presto le loro esportazioni in Cina. Questo potrebbe portare a una leggera riduzione dei volumi verso l'Europa e, a sua volta, ci garantirebbe un prezzo di mercato più stabile". Ci sono anche volumi minori destinati al Nord America e al Medio Oriente. "Gli Stati Uniti sono in gran parte forniti dal Messico, oltre ad avere, una produzione propria di meloni negli Stati meridionali. Il mercato viene anche rifornito di meloni provenienti dal Centro America".

Maggiore attenzione alla coltivazione sostenibile del melone
C'è un ulteriore sviluppo distintivo: i produttori sono molto attenti alla richiesta di qualità e alle certificazioni necessarie per poter spedire i loro meloni sul mercato europeo. Questo è anche il caso della The Greenery. "Siamo concentrati sull’approvvigionamento sostenibile", spiega Ocampo. "I nostri meloni devono soddisfare lo standard IDH. Questo significa che sono tutti conformi agli standard GlobalGAP. Inoltre, devono avere almeno le certificazioni SMETA o RFA".

"La sicurezza alimentare è un'altra priorità assoluta. Verifichiamo i livelli massimi di residui-LMR eseguendo controlli random su tutte le varietà e le sottovarietà. I meloni dei nostri fornitori non solo soddisfano gli standard europei, ma anche i requisiti legali dei primi dieci retailer. Stiamo anche collaborando con molti dei nostri coltivatori di meloni per raggiungere il residuo zero. Possiamo garantire continuità, qualità e meloni coltivati in modo responsabile, a beneficio delle persone e dell'ambiente", conclude Ocampo.

Per maggiori informazioni
Frank Ocampo
Hagé International
Spoorwegemplacement 1
2991 VT Barendrecht - Paesi Bassi
Tel.: +31(0)180 648 765
Email: F.ocampo@thegreenery.com 
Web: www.hage-international.nl


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto