Le principali destinazioni per la San Miguel sono Stati Uniti e Cina

Aumento della produzione nella stagione dell'uva da tavola peruviana 2020/21

La San Miguel inizia la stagione dell'uva da tavola peruviana 2020/21 con la previsione di un aumento della produzione di quasi mille tonnellate. Quasi 7.700 tonnellate di questo frutto da esportazione, principalmente della varietà Sweet Globe®, verranno inviate dal Paese sudamericano principalmente negli Stati Uniti e in Cina.

"Il frutto ha un bell'aspetto e abbiamo lavorato duramente per migliorarne la qualità. Abbiamo terminato di potenziare le attività di confezionamento in un'unica struttura all'interno dell'azienda agricola, con il supporto di un partner strategico. Questo ci consente di accelerare i tempi di trasferimento, ridurre al minimo le perdite per disidratazione, e massimizzare l'utilizzo del raccolto", ha affermato Pablo Zócalo, direttore operativo dell’azienda peruviana, San Miguel.

Le uve da tavola peruviane vengono esportate principalmente negli Stati Uniti, seguiti dalla Cina e da alcuni Paesi europei. Quest'anno, la San Miguel prevede che il volume dell'uva da tavola peruviana crescerà del 15% rispetto alla stagione precedente, in particolare nelle varietà premium, che vengono principalmente inviate negli Stati Uniti.

La San Miguel ha incrementato la sua presenza negli Stati Uniti, consolidandosi nella stagione 2019/20 come secondo esportatore peruviano di uva da tavola bianca senza semi. La varietà Sweet Globe® ha una finestra di vendita strategica, quando inizia la transizione all'uva californiana e prima dell'ingresso delle uve da tavola cilene. Per completare la fornitura di uva da tavola bianca, la San Miguel offre anche la varietà Sugar Crisp®.

D'altra parte la Cina, il più grande produttore di uva da tavola al mondo, ha aumentato la sua produzione di uva da tavola bianca senza semi. "La presenza di uve seedless locali stimola la domanda controstagionale, perché i consumatori cinesi iniziano a integrarle nelle loro abitudini di consumo, e si aspettano di trovarle sugli scaffali tutto l'anno. Entriamo in una finestra di vendita anticipata, poco prima del Capodanno cinese. Questo è il motivo per cui ci aspettiamo una buona domanda nella transizione tra i loro frutti e quelli controstagionali", spiega Anya Jaworski, product manager per avocado e uva da tavola della San Miguel.

Oltre alle vendite abituali, quest'anno l’azienda ha sperimentato il raccolto autunnale della Sugar Crisp®, e questa è la prima volta che viene valutata la possibilità del doppio raccolto, per l'esportazione di questa varietà in Perù. Sono stati raccolti diciotto ettari e sono stati esportati 12 container. Grazie al successo di questa prima esperienza, nel 2021 la San Miguel prevede di effettuare un doppio raccolto nel 100% dei campi di Sugar Crisp (80 ettari).

La San Miguel in Perù: i vantaggi della produzione multiorigine
In Perù, l'azienda argentina ha più di 1.200 ettari dove vengono prodotti mandarini, avocado e uva da tavola. Le principali destinazioni per la frutta fresca peruviana sono gli Stati Uniti, seguiti da Asia ed Europa. L'azienda argentina si è stabilita in Perù nel 2017, quando ha acquistato Agrícola Hoja Redonda S.A., aggiungendo un provenienza strategica grazie allo sbocco sull'Oceano Pacifico.

Per maggiori informazioni:
Mercedes Saraceni
San Miguel Global 
Tel: +54 9 11 6414-0883 
Email: msaraceni@sanmiguelglobal.com 
www.sanmiguelglobal.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto