Avvisi

La clessidra







Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Sistema di nebulizzazione permette una facile disinfezione dei centri d'imballaggio

Solitamente il magazzino del coltivatore di pomodori VW Maxburg non è attivo nelle ore notturne. Eppure, nonostante non ci siano persone o pomodori in giro, due volte a notte si può sentire un leggero ronzio: sono le ventole posizionate sul soffitto che disperdono una nebbiolina di perossido d'idrogeno stabilizzato (diluito con acqua), che assicura una disinfezione di tutte le superfici presenti nel magazzino. Questo sistema è stato progettato per ridurre le perdite post-raccolta di prodotto e prevenire la contaminazione incrociata.

"E' una potente arma contro i microrganismi e anche contro il coronavirus, dal momento che migliora l'igiene complessiva dello spazio di lavoro". A sostenerlo è Jurnian van den Bremer di MJ-Tech, la società che ha sviluppato il sistema di disinfezione a ventilazione dinamica.

Infezioni
"All'interno del gruppo Tomeco coltiviamo pomodori San Marzano, Cuore di bue e pomodori datterino, tra gli altri. Sono prodotti ottimi, ma anche delicati e, dopo la raccolta, possono essere facilmente soggetti a infezioni da microrganismi come i funghi. Siccome i pomodori vengono conservati tra i 14 e i 16 °C, in modo da non comprometterne il sapore, la qualità può deteriorarsi rapidamente a causa di questi microrganismi ed è questo che vogliamo evitare. Le nostre ricerche hanno mostrato che il rischio di contaminazioni da funghi era particolarmente elevato soprattutto nella sala di imballaggio".

A spiegarlo è Mitch Vermeiren del vivaio di pomodori VW Maxburg e della Meer Fresh Products, che contano una superficie complessiva di 23 ettari e si trovano entrambi a Meer, in Belgio. Entrambi sono membri di Tomeco. Vermeiren ha portato la questione davanti alla squadra di MJ-Tech, che all'epoca si stava occupando dell'installazione di un sistema di nebulizzazione ad alta pressione nelle serre della VW Maxburg, dove al posto dell'acqua verrà dispersa una soluzione di perossido d'idrogeno stabilizzato. Dopo la reazione, questa soluzione si scompone completamente in ossigeno e acqua, ma non prima di disinfettare le superfici con cui entra in contatto.

"L'installazione è in fase di prova dall'estate scorsa e quest'anno è completamente operativa. Abbiamo già potuto notare che per ottenere i primi risultati non ci vuole molto tempo, solo qualche mese, e se si possono evitare lamentele e resi si tratta di un breve periodo di tempo - afferma Jurnjan van de Bremer di MJ-Tech - Da una prospettiva più ampia è un'ottima cosa il fatto che stiamo evitando lo spreco alimentare". 

"Il sistema non lascia residui e, dopo il trattamento, tutte le superfici dell'impianto risultano essere prive di funghi, virus e batteri. Con i tempi che corrono si tratta di un ulteriore vantaggio".

Nebulizzazione automatica
La MJ-Tech conta oltre 30 anni di esperienza con diverse applicazioni (non solo i sistemi di nebulizzazione ad alta pressione che vengono normalmente utilizzati per controllare il clima nelle serre, ma anche unità mobili per agrofarmaci) e alcune soluzioni sono state sviluppate a questo scopo specifico.

Gli ugelli che formano la nebbia sono regolati secondo le giuste dimensioni delle goccioline e la nebulizzazione viene dispersa dalle ventole che assicurano una diffusione fino a oltre 30 metri. "Possiamo calcolare la distribuzione ottimale per ogni magazzino, centro di imballaggio o centro di trasferimento secondo il rapporto tra superficie e volume. L'installazione viene impostata in modo tale che la nebbia venga dispersa automaticamente secondo il programma desiderato", spiega van de Bremer.

Come per le altre installazioni di MJ-Tech, si può accedere a questo dispositivo anche attraverso il cloud; funzionamento e manutenzione possono avvenire da remoto. Si dimostra una soluzione valida per le verdure che necessitano di una temperatura di conservazione relativamente elevata, come pomodori, cetrioli, zucchine, melanzane o peperoni, perché l'immunità ai virus sembra essere un'illusione.

Vermeiren spiega che presso VW Maxburg il sistema entra in funzione due volte a notte per un'ora, con un periodo di riposo di due ore e mezza tra le due applicazioni. "Dopo di che possiamo essere sicuri di cominciare ogni giorno in uno spazio igienizzato". Come disinfettante viene utilizzato il perossido d'idrogeno stabilizzato con sali d'argento Huwa-San TR-50 della Roam Technology, una soluzione largamente utilizzata in orticoltura per mantenere le tubature libere da biofilm e il cui utilizzo è totalmente autorizzato in Belgio.

Infallibile
"In passato pulivamo regolarmente gli spazi con un generatore di nebbia manuale mobile, ma era un compito che richiedeva più tempo e lavoro. Non risultava perfetto. Ora siamo sicuri che il trattamento viene applicato ogni notte e autonomamente". Sebbene il perossido d'idrogeno non sia pericoloso per i pomodori, durante il trattamento il prodotto non viene esposto. "Ciò ha richiesto un adattamento da parte nostra, ma ne è valsa senza dubbio la pena". Infatti l'azienda è talmente soddisfatta del sistema che quest'anno ha deciso di utilizzarlo anche nella serra. "Si tratta di una misura di sicurezza extra e una maniera ulteriore per non avere perdite di prodotto".

Per maggiori informazioni
MJ-Tech 
Email: info@mjtech.nl
Web: www.mjtech.nl

Tomeco 
Email: info@tomeco.be 
Web: www.tomeco.be  

Roam Technology NV 
Email: info@roamtechnology.com
Web: www.roamtechnology.com 


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto