Avvisi

La clessidra







Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

La testimonianza di Lucio Alciati

Frutti di melograno protetti dai danni mediante una tecnica tradizionale

Secondo alcuni studiosi, la rappresentazione dei melograni in affreschi e dipinti medioevali di carattere religioso non è casuale: i frutti simboleggiano il giardino dell'Eden, ma anche la passione di Cristo, che con il suo sangue sparge un grande numero di semi vitali nel mondo.

Queste raffigurazioni, però, potrebbero anche essere interpretate come una "fotografia" dell'ambiente di allora: potrebbe dunque questa pianta diventare una nuova opportunità anche per il territorio del cuneese? La presenza del melograno si coglie infatti già negli affreschi quattrocenteschi del santuario della Madonna del Castello di Caraglio, grazioso borgo posto all'imbocco della laboriosa e pimpante Valle Grana di Cuneo.

Se lo è domandato Lucio Alciati, il quale così racconta a FreshPlaza: "Qualche anno fa, decisi di impiantare alcuni melograni di varietà Wonderfull e Acco su un mio piccolo appezzamento in questa zona. Ma le condizioni climatiche locali, benché non influissero sulla vegetazione delle piante e sulla maturazione dei frutti, creavano seri problemi di "cracking" ovvero di spaccatura degli stessi frutti e conseguenti attacchi di Botritis".

"Per ovviare a questo deleterio problema, quest'anno, a fine agosto, ho tentato una vecchia tecnica usata localmente per le pere Cedrate Romane, qui chiamate Burè Roca, effettuando la copertura (insacchettamento) di alcuni frutti mediante sacchetti di carta pergamenata. Con soddisfazione ho rilevato, al momento della raccolta (avvenuta lo scorso 28 ottobre 2020) che la produzione coperta era tutta perfettamente integra, priva di difetti che potevano essere causati da cimici e altro, a differenza della produzione scoperta, totalmente danneggiata".

Lucio Alciati conclude con soddisfazione: "Ho così ottenuto una produzione di alta qualità, con un costo di allevamento compensato dalla pressoché totale assenza di trattamenti antiparassitari e con bassi costi di gestione idrica. E' una piccola esperienza personale, che spero possa essere utile a chi coltiva melograni, per tutelare i frutti dai danni".


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto