L'analisi di Astrid Etèvenaux (AOP Carottes de France)

Il settore delle carote deve affrontare due grandi incognite

La stagione invernale delle carote è iniziata ad agosto. Secondo Astrid Etèvenaux della AOP Carottes de France, quest'anno la qualità è molto soddisfacente. "Questa è una buona base di partenza per la campagna, ma non ci facciamo prendere dall’entusiasmo, perché il settore delle carote sta attualmente affrontando due grandi sfide".

Prima di tutto c'è la pandemia, che sta creando grandi incertezze a causa della chiusura dei ristoranti. "Le carote sono molto consumate nella ristorazione fuori casa, e non siamo certi che i supermercati compenseranno i volumi persi. In secondo luogo, c'è la questione del controllo delle erbe infestanti, data la graduale esclusione di tutte le soluzioni per il loro controllo. Non ne sono rimaste molte. Questa è una delle maggiori e crescenti preoccupazioni nel settore. Alcuni stanno investendo in nuovi appezzamenti, per verificare una minore predisposizione alle erbe infestanti".

Foto scattata nella zona di produzione della Normandia. Fonte: A. Vacheron / AOP Carottes de France

Tre stagioni
Le carote sono disponibili tutto l'anno, suddivise fra tre stagioni. C'è la carota precoce, disponibile da maggio a fine luglio, prodotta esclusivamente nelle zone del sud-ovest e del sud-est della Francia. C'è poi la carota che di solito chiamiamo "carota invernale", cioè la carota stagionale (disponibile da agosto a novembre) e la carota da stoccaggio, che è disponibile da novembre ad aprile. In Normandia, la stagione invernale delle carote inizia un po' prima, soprattutto nella baia di Mont Saint-Michel, e termina un po' più tardi rispetto ad altre zone di produzione della AOP.

Contrariamente alla carota precoce, che viene esportata in quantità maggiori, le esportazioni di carote invernali sono molto limitate. "Nella campagna precedente, le esportazioni dei nostri partner hanno rappresentato solo il 5% delle vendite. Le carote sono ancora il secondo ortaggio più consumato in Francia (dopo le patate). Il mercato francese è in grado di assorbire quasi tutti i volumi", afferma Etèvenaux.

Foto scattata nella zona di produzione dell'Aquitania. Fonte: A. Vacheron / AOP Carottes de France

Carottes de France in cifre
I membri della AOP Carottes de France DOP rappresentano quasi il 65% della produzione nazionale di carote, destinate al mercato del fresco. Questo volume oscilla tra 180mila e 200mila tonnellate l'anno. La maggior parte della produzione dei partner proviene dall'Aquitania (55%) e dalla Normandia (40%), e parte anche dal sud-est (5%).

La AOP Carottes de France è nata nel 2009 e ha ricevuto il riconoscimento nazionale di Associazione di organizzazioni di produttori nel 2010. Il suo consiglio di amministrazione è presieduto da Bernard Guillard (Agrial). Attualmente riunisce 9 soci, 5 dei quali sono organizzazioni di produttori e gli altri 4 organizzazioni di non produttori.

L'associazione sta lavorando attivamente all'aggiornamento della sua carta della qualità, creata nel 2017. "Non ne esiste ancora una specifica per le carote. Vogliamo definirla al più presto", conclude Etèvenaux.

Per maggiori informazioni
Astrid Etèvenaux
AOP nacional Carottes de France
Email: astrid.etevenaux@carottes-de-france.fr    
Web: www.carottes-de-france.fr


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto