Ralf Weber in Schifferstadt si augura di arrivare nei supermercati

Primo raccolto di puntarelle nel Palatinato

Questo autunno verranno raccolte, per la prima volta nel Palatinato, le cosiddette puntarelle. Dietro c’è il produttore del Pfalzmarkt, Ralf Weber, della Schifferstadt: "Sono un grande fan dell'Italia e, come appassionato orticoltore, ovviamente ho sempre provato quante più varietà insolite possibili, anche durante le mie vacanze. E' così che mi sono imbattuto nelle puntarelle". Dal punto di vista botanico, questo straordinario ortaggio ha ben poco a che fare con gli asparagi e il suo sapore leggermente amaro ricorda di più la cicoria.


Ralf Weber è orgoglioso delle sue varietà esotiche regionali. © Pfalzmarkt eG

Quest'anno, quando Weber stava cercando un prodotto che andasse a colmare un gap nel suo programma di coltivazione, ha optato proprio per le puntarelle. "La coltivazione è ancora limitata a un terzo di acro. C'è molto da imparare, su questa varietà, che è ancora abbastanza legata alle sue origini. Poiché l'ortaggio è abbastanza sconosciuto, non ci sono programmi di breeding che garantiscano una crescita uniforme e un sapore ottimizzato.

Ma questo costituisce uno dei vantaggi: "Le puntarelle hanno un sapore leggermente amarognolo, molto insolito, ma che le rende interessanti per chi cerca un prodotto leggermente diverso. Questo ortaggio tradizionale è molto versatile nella sua preparazione ed è apprezzato come ingrediente importante in molte cucine regionali. La puntarella - come viene chiamata in Italia - può essere preparata in insalata, ad esempio, oppure saltata in padella con zucchero, sale e burro”.


© Pfalzmarkt eG

Come coltivazione, la puntarella è piuttosto esigente: vuole terreni ricchi di sostanze nutritive e necessita di molto caldo nella fase di crescita. Nel Palatinato trova delle condizioni quasi ideali. "Il periodo migliore per la semina è in piena estate, con temperature piacevoli", continua Weber. "Il caldo non è stato un problema nella prima prova di coltivazione, e anche il fabbisogno idrico è rimasto nei limiti".

Le puntarelle vengono raccolte dall'autunno all'inverno. Tuttavia, la coltivazione non tollera il gelo estremo. Come parte del test di coltura, Ralf Weber coltiva le sue puntarelle all'aperto e sotto una copertura di alluminio. "Il primo confronto di coltivazione mostra che le Puntarelle da coltivazione all'aperto hanno una sostanza leggermente più amara. Con un copertura, le foglie diventano più tenere e il sapore leggermente meno amaro".


La puntarella somiglia al tarassaco. Le teste crescono fino a circa 50-60 cm. © Pfalzmarkt eG

La crescente domanda dei consumatori per gli alimenti vegetariani e vegani, così come la tendenza verso varietà vegetali "antiche" sono stati ulteriori motivi per i quali Weber ha optato per le puntarelle. Anche i gastronomi professionisti sono alla ricerca di nuove varietà antiche, che siano anche versatili e sane. La distribuzione inizierà nei prossimi giorni attraverso la Pfalzmarkt eG.

Non è così facile portare sul mercato un prodotto così poco conosciuto. "Alcuni articoli straordinari sono già noti nella cucina etnica o tra i giovani. Purtroppo, le puntarelle ancora no: che siano giovani o anziani, quasi nessuno le conosce. La prima raccolta di quest'anno servirà quindi ad avvicinare l'ortaggio ai retailer regionali, sperando l'anno prossimo di poterle inserire stabilmente sugli scaffali del supermercato".

Per maggiori informazioni:
Ralf Weber
Ralf und Thomas Weber GbR
Im Hellwich 10
67105 Schifferstadt
Tel.: +49 6235 92530


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto