Daniel Blanco, direttore commerciale di Mogalla

L'arrivo del freddo potrebbe far decollare la domanda di melagrane

La campagna spagnola delle melagrane è al suo picco, con vendite attualmente fiacche ma che potrebbero migliorare con l'arrivo del clima più freddo. A causa della fine anticipata della stagione d'oltreoceano, si è verificato un gap sul mercato fino all'entrata in produzione dei Paesi del Mediterraneo: ciò ha portato a prezzi più alti e a una buona domanda; tuttavia, ora il gap è stato già colmato.

"I produttori che hanno iniziato con le varietà precoci, come Acco o Emek, arrivate sul mercato a metà / fine agosto, hanno ottenuto prezzi molto buoni e delle buone vendite, perché l'Europa non aveva melagrane da luglio e c’è stata molta richiesta", afferma Daniel Blanco, direttore commerciale della Mogalla, azienda che gestisce e commercializza melagrane prodotte nelle varie fattorie che possiede nelle province spagnole di Siviglia, Huelva e Badajoz.

Oltre a coltivare la varietà tradizionale Mollar e quella rossa Wonderful, la Mogalla produce da tre anni anche la varietà Acco. Quest'anno hanno raccolto 500.000 chili, un volume che ha consentito loro di iniziare la campagna molto prima e che garantisce una fornitura continua ai suoi clienti, dalla fine di agosto a dicembre. Finora la domanda è più fiacca rispetto allo scorso anno. Durante il mese di settembre i consumi non sono stati granché vivaci, a causa delle temperature elevate che hanno interessato l’Europa. Inoltre, c'è anche la crisi causata dalla pandemia, che ha portato a un crollo delle vendite nel canale Horeca.

Come evidenziato da Daniel Blanco, la presenza di prodotti economici provenienti da altre regioni del Mediterraneo, come la Turchia o l'Egitto, ha rallentato il mercato. "La Spagna non può competere con i costi di produzione di quei Paesi. Tuttavia, continua ad avere una buona fama come produttore di frutta, e questo attrae molti clienti che apprezzano e preferiscono acquistare melagrane spagnole, anche se sono più costose di quelle di altre origini", afferma Blanco. "Vogliamo promuovere la Spagna come fornitore in questo segmento. Da molti anni garantiamo qualità, il controllo dei rifiuti e la sicurezza alimentare. Questa è la nostra forza".

Per quanto riguarda le varietà che la Mogalla sta attualmente commercializzando, c'è stato un calo significativo nella produzione della varietà Mollar. "Quest'anno si è registrata una notevole carenza di melagrane Mollar. La produzione è diminuita di circa il 30-35%, e anche i calibri sono più piccoli. Il mercato di solito richiede solo calibri grandi, ossia 10-12 (20-24 frutti in 9 kg), ma quest'anno, se vogliono le Mollar, dovranno accettare i calibri più piccoli, perché non c'è altra possibilità. La varietà Wonderful sta registrando buoni calibri ma anche una produzione leggermente inferiore rispetto allo scorso anno", afferma Daniel Blanco.

L'azienda prevede di ottenere circa 1.000 tonnellate di Wonderful e oltre 1.200 tonnellate di melagrane Mollar. La Mogalla fornirà i suoi frutti fino a metà dicembre in vari mercati europei, tra cui Regno Unito, Germania, Paesi Bassi, Francia, Italia o Svizzera, oltre a destinazioni d’oltreoceano, come Canada e Medio Oriente.

Le previsioni sulla campagna sono ancora buone, secondo il direttore commerciale. "Il clima sta diventando più freddo, il che è positivo per il consumo della frutta. Inoltre, sembra che la pandemia abbia cambiato le abitudini di acquisto dei consumatori, che sono alla ricerca di prodotti di qualità e con un alto contenuto vitaminico. La previsione è quindi che il consumo di melagrane, in questo senso un "superfrutto", aumenti proprio come la domanda di arance o limoni. Le melagrane non sono ancora un frutto popolare tra i consumatori, quindi c'è ancora un ampio margine di crescita".

L'azienda andalusa presto inizierà a commercializzare anche i primi cachi della campagna, colpiti da un significativo calo dei volumi di produzione, soprattutto nel Levante, dove sempre più si rileva la presenza del fungo Mycosphaerella. "Si spera che questa fornitura inferiore ci aiuti a ottenere dei prezzi accettabili per i cachi di questa stagione".

Per maggiori informazioni:
Daniel Blanco
Mogalla S.A.T.
Carretera Sevilla – Ayamonte, km 104.
Huelva, Andalusia, Spain
T: +34 954 934 272
M: +34 600 422 318
danielblanco@mogalla.com
www.mogalla.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto