Cool Logistics Conference

Catena del freddo globale: durante e oltre la pandemia

La seconda giornata della Cool Logistics Conference è iniziata con Rachael White, amministratore delegato, che si è detta felice dell'aumento del numero dei partecipanti rispetto alla prima giornata.

Philip Gray, responsabile trasporti refrigerati della belga Drewry Shipping, è stato il primo relatore e ha parlato di come il trasporto marittimo refrigerato sia diminuito nel 2019 e finora abbia resistito abbastanza bene alla tempesta coronavirus, e dovrebbe crescere. Gray ha parlato dello spostamento del commercio verso la Cina. Nel 2009, 27 milioni di tonnellate sono state spedite in container refrigerati, aumentate fino a 50 milioni di tonnellate nel 2019, per l'aumento recente delle importazioni di carne. Gray ha previsto che la capacità della flotta refrigerata specializzata diminuirà. Si prevede che la disponibilità di attrezzature per container rimarrà limitata e altamente sbilanciata, il che ridurrà le tariffe di trasporto dei container.

Thomas Eskesen, il fondatore della Eskesen Advisory, ha valutato le prestazioni del trasporto refrigerato durante la pandemia. Ci sono stati dei cambiamenti ma ha funzionato bene, con meno interruzioni rispetto al settore del trasporto aereo delle merci. Inizialmente c’è stata una carenza di container in quanto molti erano bloccati in Cina. Nonostante ciò, il trasporto refrigerato continua ad andare forte, con una crescita del 4%, merito soprattutto della Cina che ora è il più grande importatore mondiale di prodotti deperibili. Eskesen intravede molte opportunità di investimento e innovazione in questo segmento.

Bruce Marshall, direttore della Reefer Solutions, Maersk Line, ha affermato che "il mondo è cambiato e che ci siamo adattati". Si sono affrontate molte sfide per raggiungere dei risultati, soprattutto all'inizio della pandemia. Nei tre porti principali della Cina, i container sono stati bloccati, il primo allarme sui problemi che si sarebbero verificati. Poi la pandemia si è diffusa in tutto il mondo.

Uno dei problemi affrontati da Maersk è stato quello che i membri dell'equipaggio sono dovuti rimanere a bordo delle navi per un tempo molto lungo, anche per 240 giorni. La malattia ha anche creato problemi in merito agli orari delle navi, e a volte le autorità hanno rifiutato l'ingresso di una nave o sono stati imposti 14 giorni di blocco. Alcuni porti sono rimasti chiusi o hanno avuto una capacità limitata, inoltre i diversi Paesi hanno subito delle restrizioni diverse e non sempre sono state chiare.

Tutti questi fattori hanno reso molto difficile ricevere i container per prepararsi alle stagioni di produzione, nelle diverse parti del mondo. Maersk ha finito per caricare container vuoti e inviarli dove erano necessari. Ci sono stati anche problemi logistici nel portare i container dalle aziende agricole e dai centri di imballaggio ai porti, a causa della carenza di autisti.

Ci sono stati molti tempi di inattività alla dogana, ma il sostegno è venuto dai governi, che hanno allentato alcune restrizioni perché era ormai un problema di sicurezza alimentare.


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto