Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Il commento di Lisan van Koppen (Jaguar)

C'e' speranza per la stagione spagnola del cachi dopo la pesantezza del mercato europeo dell'anno scorso

Quest'anno, l'azienda olandese Jaguar ha cominciato in anticipo la stagione dei cachi spagnoli. "Alcune cooperative hanno iniziato più tardi con la speranza di potere andare avanti più a lungo e in modo da avere grandi volumi a fine stagione, quando questi frutti sono alla maturazione ottimale. Sul mercato arrivano nuovi fornitori ogni giorno. Al momento la situazione è completamente diversa rispetto a qualche giorno fa". A sostenerlo è Lisan van Koppen.

"I prezzi dei primi cachi sono su un livello elevato, anche se ancora non sono i frutti migliori. Tali quotazioni dipendono, infatti, dai volumi ancora limitati. L'anno scorso i volumi offerti sono stati massicci, con una situazione drammatica soprattutto in Europa, mentre all'estero i prezzi hanno mostrato un po' più di stabilità. Le quotazioni che le cooperative stanno fissando al momento per la fine della stagione sono quasi doppie rispetto a quelle dell'anno scorso", afferma van Koppen.

"Quest'anno, i volumi sono un po' più bassi, in parte a causa della capacità dei centri di imballaggio e delle rese in campo e in parte a causa del fungo Mycosphaerella rilevato in alcuni lotti coltivati a cachi. Si dice che il fungo sia comparso perché il terreno non è stato disinfettato bene. Il trattamento è costoso, quindi, non tutti possono permetterselo".

"Inoltre, spero che l'interesse che ho visto per arance, zenzero e limoni, ad esempio, si manifesti anche per i cachi in caso si dovesse verificare una seconda ondata di casi da Covid-19. Il prodotto si presta decisamente, in quanto è ricco di vitamine e antiossidanti. Vendiamo i cachi in tutta Europa, sia a livello domestico che in Germania, Grecia, Malta e Scandinavia. I nostri clienti dell'Europa dell'Est aspettano spesso che i frutti raggiungano una colorazione un po' più intensa. Quest'anno le nostre sedi in Egitto e Sudafrica cercheranno, inoltre, di capire se ci sono più opportunità in Estremo Oriente, per esempio".

"All'estero i cachi sono popolari da tempo, ma anche nei Paesi Bassi abbiamo notato un aumento annuale della domanda. Mentre prima gli olandesi che acquistavano i cachi erano quelli più orientati verso un'inclusione culturale più ampia, ora chiunque nei Paesi Bassi sa cosa è un cachi e notiamo anche che i fornitori di mense scolastiche acquistano spesso i cachi" afferma l'importatore.

"Offriamo i nostri frutti in una piccola cassetta in legno di 50x30 cm, in scatole di cartone da 60x40 cm e in imballaggi per la vendita al dettaglio da 10 pezzi", conclude van Koppen.

Si prevede che la stagione spagnola continuerà fino alla fine di gennaio.

Per maggiori informazioni
Lisan van Koppen
Jaguar
Handelscentrum ZHZ 50
2991 LD Barendrecht - Paesi Bassi
Tel.: +31 (0)180 750 500 
Fax: +31 (0)180 750 510 
Email: Lisan.vanKoppen@jaguartfc.nl


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto