L'export peruviano di mandarini aumenta in volume e valore

La campagna peruviana 2020 dei mandarini sta terminando con risultati molto positivi. Secondo le stime, fino al 15 settembre il paese aveva esportato 173.751 ton di mandarini, per un valore di 215 milioni di dollari, cioè il 29% in più in termini di volume e il 32% in più in termini di valore rispetto allo stesso periodo del 2019. Nonostante l'incremento nella fornitura, il prezzo medio dei mandarini ammontava a 1,24 dollari al kg, cioè il 2% in più rispetto all'anno precedente.

Inversione di rotta nel declino delle varietà precoci
Le spedizioni delle varietà precoci Satsuma e Clementina, che vengono esportate tra marzo e luglio, hanno sperimentato un calo fino al 2019. Tuttavia, durante il 2020 l'elevata domanda di agrumi, incentivata dalla pandemia, è riuscita a invertire questa tendenza negativa.

Nell'attuale campagna, le esportazioni delle varietà precoci hanno totalizzato 52.110 ton (+32%), per un valore di 57 milioni di dollari (+37). Queste varietà, in ogni caso, sono state ben accolte a causa della mancanza di fornitura di altre varietà. Ciò si può notare dai prezzi raggiunti, i più bassi con 1,03 dollari al kg, cioè il 12% in meno rispetto alla media e il 4% in più rispetto al 2019.

La destinazione principale per questi mandarini è stata gli Stati Uniti, con 16.415 con (+50%), per un valore di 20 milioni di dollari (+49%). A seguire il Regno Unito, con 15.112 ton (+39%) e un valore di 15 milioni di dollari (+37%) e i Paesi Bassi, con 7.243 ton (+33%) e un valore di 20 milioni di dollari (+47%).

Continua a crescere la domanda per le varietà tardive
Le varietà tardive, che vengono esportate tra giugno e settembre, sono composte da ibridi, come Murcott, Nadorcott e Malvaceo. Quest'anno, la crescita nella domanda ha continuano a guidare le esportazioni peruviane di varietà ibride, che hanno totalizzato 121.642 ton (+28%) per un valore di 158 milioni di dollari (+30%). Queste sono le varietà che ricevono i prezzi migliori sul mercato mondiale, dal momento che il loro prezzo ammonta a 1,30 dollari al kg, il 5% in più rispetto alla media e il 2% in più rispetto al 2019.

La destinazione principale dei mandarini ibridi è stata gli Stati Uniti, con 63.862 ton (+41%), per un valore di 85 milioni di dollari (+41%). A seguire il Regno Unito, con 13.016 ton e un valore di 18 milioni di dollari (simile al 2019) e la Cina, con 11.556 ton (+26%) e un valore di 13 milioni di dollari (+27%).

Incremento nei mandarini trasformati
Durante la campagna 2020, le esportazioni di mandarini trasformati sono aumentate fino a 6.363 ton (+82%), per un controvalore di 13 milioni di dollari (+135%). Il prezzo dei mandarini trasformati è stato di 2,05 dollari al kg, vale a dire il 29% in più rispetto all'anno precedente.

Le destinazioni principali dei mandarini trasformati sono state gli Stati Uniti con una quota del 73% e la Germania, con il 16%.

Fonte: Fresh Fruit / agraria.pe 


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto