Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Le scorte rimanenti di prodotto argentino limitano la richiesta dell'agrume turco

Prevista una domanda di limoni molto alta a ottobre, novembre e dicembre

La stagione turca dei limoni sta attraversando un periodo piuttosto difficile. Dato che il prodotto argentino è ancora sul mercato, la domanda di limoni turchi Meyer non è ancora decollata. La speranza è che a partire da ottobre, la richiesta aumenti.

"L'inizio della campagna dei limoni è stato impegnativo. La mancanza di calibri più grandi e la presenza dei agrumi argentini hanno complicato la situazione", spiega Mustafa Arslan, titolare dell'azienda d’esportazione turca MDA-Agro. "Abbiamo iniziato la stagione con problemi di calibro per i limoni Meyer. Per quanto riguarda la domanda, il mese di settembre per noi non è un periodo di punta. I Paesi balcanici, la maggior parte di quelli dell'Europa occidentale e la Russia e l'Ucraina hanno ancora molti limoni provenienti dall'Argentina e dall'Africa meridionale".

"Questa situazione - continua Arslan - impatta sulla commercializzazione dei nostri limoni Meyer, poiché questi mercati sono i più importanti. Inoltre, il clima è stato molto caldo nelle ultime settimane e questo ha portato a quantità inferiori di limoni Meyer di calibri maggiori, il che non è va bene per noi. Tuttavia, ci aspettiamo una stagione nel complesso soddisfacente".

L'avvio difficile non significa che la stagione sia persa, secondo Arslan. Una volta esaurite le scorte di limoni argentini, si prevede che la domanda decolli. "I volumi di Meyer sono gli stessi della scorsa stagione. Tuttavia, nelle prime settimane, gli esportatori hanno avuto difficoltà ad avere calibri più grandi. Dopo ottobre, i volumi del raccolto aumenteranno e dovremmo vedere calibri migliori. Una volta che i limoni argentini si saranno esauriti, anche la domanda dovrebbe aumentare. Prevediamo che sarà molto alta a ottobre, novembre e dicembre".

Oltre ai limoni Meyer, la MDA-Agro esporta anche limoni Interdonato e Lamas. I loro prezzisono molto alti, persino nelle aziende agricole: "Al momento, la varietà Interdonato è molto costosa sui campi, quindi è impossibile confezionare ed esportare questi limoni in Europa. Tuttavia mi aspetto che la maggior parte dei limoni Interdonato venga esportata nei mercati dell'Estremo Oriente, oltre che in Canada e negli Stati Uniti. Si comincerà con i limoni Lamas a novembre e i prezzi dovrebbero essere altrettanto alti. Sicuramente incontreremo difficoltà nell'esportazione di questi agrumi, poiché la produzione dei limoni in Cina e la loro commercializzazione migliorano ogni giorno. Significa che la Cina sta diventando un mercato importante per il nostro futuro, con i limoni".

"I limoni Interdonato dovrebbero produrre le stesse quantità della scorsa stagione, ancora inferiori rispetto alle campagne passate, da tre a cinque anni fa. La produzione dei Lamas dovrebbe essere inferiore di circa il 20%, rispetto alla scorsa stagione. I calibri di queste varietà sono normali, ma il problema saranno i costi di produzione elevati, che faranno lievitare i prezzi degli stessi limoni", dice Arslan.

Secondo il titolare della MDA-Agro, il coronavirus comporta ancora una serie di sfide per l'intero settore ortofrutticolo. "Sarebbe stato impossibile prevedere questo avvio di stagione. Tutti i costi sono notevolmente aumentati e il futuro è ancora molto incerto. Se il settore Horeca in Europa dovesse nuovamente fermarsi, i consumi potrebbero scendere molto. Ma se i nuovi lockdown terranno le persone in casa, il consumo dei limoni aumenterà? Nessuno sa cosa aspettarsi, il che ci mette in una posizione molto difficile. Speriamo che i nostri partner continuino a sostenerci in questa stagione, perché ne abbiamo davvero bisogno. I tempi saranno diversi e strani per tutti noi, non solo per i commercianti di limoni, ma per tutte le aziende del settore ortofrutticolo".

La scorsa stagione, la Turchia ha improvvisamente bloccato a metà stagione le esportazioni di limoni. Naturalmente questo ha lasciato di stucco alcuni clienti. Arslan è sicuro che non succederà più in questa stagione: "Il blocco dell'export è stato problematico, ma non possiamo lasciare che impatti sulla nostra stagione in corso. Fermare le esportazioni di limoni è stato un grande errore, ma in questa campagna avremo quantità più che sufficienti e non avremo questi problemi".

"Tutti gli acquirenti possono stare tranquilli che non accadrà più in Turchia. In questa stagione, abbiamo intenzione di entrare in nuovi mercati come Bangladesh, India, Estonia, Norvegia e Danimarca, oltre a vedere grandi opportunità nei Paesi scandinavi per i nostri agrumi. Siamo inoltre lieti di annunciare che siamo diventati membri di Freshfel Europe" conclude Arslan.

Per maggiori informazioni
Mustafa Arslan
MDA Agricultural Products
Cell.: +90 541 348 39 09
Email: mustafa@mda-agro.com  
Web: www.mda-agro.com


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto