Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

La stagione cilena dei limoni alle prese con un'interessante apertura in Cina

A metà maggio di quest'anno, il mercato cinese ha aperto agli agrumi cileni (vedi precedente news), offrendo enormi opportunità a coltivatori ed esportatori del paese sudamericano. San Osvaldo è un'azienda agrumicola cilena che lavora principalmente con limoni, piccoli agrumi e arance Navel. L'azienda ha approfittato di questa nuova opportunità e, in questa stagione, ha esportato per la prima volta i suoi prodotti in Cina. Jose Manuel Ortiz dice: "Quest'anno prevediamo di inviare un totale di circa 45-50 container, pieni principalmente di limoni".

Mercato buono nella prima metà di stagione
La prima metà di stagione è andata molto bene, per la San Osvaldo e per l'export cileno di limoni in generale. Come dichiara Ortiz. "In linea di massima, penso che il mercato sia andato bene. Dobbiamo guardare alla seconda metà della campagna, perché i volumi che arriveranno saranno decisamente superiori a quelli delle prime settimane. Questo perché il numero di esportatori che inviano prodotti in Cina è aumentato".

Il mercato è stato complessivamente buono, ma finora ci sono stati degli alti e bassi. “All'inizio della stagione, la domanda era molto buona, ma l’entusiasmo è diminuito nelle settimane successive. Ora assistiamo nuovamente a buoni livelli di flusso. Un mercato delle dimensioni della Cina è sempre interessante, e penso che diversificare i nostri mercati sarà molto positivo per la San Osvaldo e per l'industria cilena in generale".

Il vantaggio del Cile
Mentre ci sono altre origini che riforniscono il mercato cinese nello stesso periodo del Cile, Ortiz dice che il prodotto cileno presenta un netto vantaggio, sul mercato. "I nostri limoni non richiedono un trattamento a freddo, il che li rende un prodotto invitante, di un colore giallo brillante e, soprattutto, con una shelf life post-raccolta più lunga. Le altre origini che forniscono limoni durante la stessa finestra temporale, richiedono il trattamento a freddo prima dell’accesso alla Cina, o non hanno gli stessi vantaggi di un accordo come quello raggiunto dal Cile".

Un nuovo mercato significa anche nuove esigenze, abitudini di consumo e richieste. "Il mercato cinese è di fascia alta, in termini di qualità", spiega Ortiz. “I consumatori sono consapevoli e la richiedono, pertanto questa è una delle chiavi per avere successo. Senza dubbio, è un mercato esigente, e sarebbe un errore entrare nel mercato cinese senza questa consapevolezza. La prossima stagione sarà sicuramente una sfida, poiché l'offerta diventerà più ampia e ci vorrà più lavoro per distinguersi dagli altri ", aggiunge.

Dato che quest'anno è stato il primo in cui il Cile ha potuto esportare i suoi agrumi in Cina, c'è molto spazio di crescita. "Vedremo cosa accadrà. Almeno in questi primi anni, non credo che per rifornire il mercato cinese dovremo reindirizzare il prodotto rispetto alle destinazioni attuali, come ad esempio gli Stati Uniti. Tuttavia, l'esperienza di altri prodotti ci ha dimostrato che la Cina può sorprenderci. Chissà, potrebbe diventare una delle destinazioni preferite per il limone cileno!", conclude Ortiz.

Per maggiori informazioni:
Jose Manuel Ortiz
Direttore commerciale 
Agricola San Osvaldo Ltda 
Tel: +569 96192782
Email: jmortiz@sanosvaldo.cl   
www.sanosvaldo.cl


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto