Avvisi



Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Il Sudafrica adotta misure proattive contro la Falsa Cydia nelle esportazioni agrumicole destinate all'Ue

Per la prima volta dal 2018, quando il Sudafrica ha introdotto il sistema di gestione della Falsa Cydia, il settore agrumicolo è dovuto intervenire nella sua normale funzione di gestione di questo parassita.

"La decisione di rafforzare, per il resto della stagione, il protocollo di spedizione per le arance del Sudafrica - con un preavviso molto breve - è stato reso possibile dall'agilità del suo approccio ai sistemi", afferma Deon Joubert, inviato Ue dell'Associazione degli agrumicoltori (CGA). I requisiti del sistema per un monitoraggio continuo di frutti e frutteti ha palesato al settore che quest'anno c'è stata una notevole attività da parte della Falsa Cydia.

"La nostra attività di indagine ha rivelato che senza ulteriori misure potremmo ricevere notifiche più numerose del normale lungo la filiera - spiega Joubert - Pertanto abbiamo preso la decisione di permettere agli esportatori di fare solo attività di prenotazione per tali esportazioni, come specificato nell'opzione C del sistema di gestione agrumicolo".

Ciò dimostra la forza dell'approccio ai sistemi che si sta seguendo. "Attraverso il monitoraggio continuo, siamo in grado di rilevare le tendenze di attività della Falsa Cydia, come abbiamo fatto alla fine di luglio in tutto il Paese con le arance Navel e Valencia. Il sistema di gestione ci permette di rispondere con prontezza e di rafforzarlo al bisogno".

Attualmente tutti gli agrumi vengono spediti in conformità di un protocollo di rischio più elevato, utilizzando il preraffreddamento e temperature più basse per un periodo più lungo, al fine di accumulare unità di freddo, particolarmente deleterie per le larve di Falsa Cydia nei frutti.

Joubert sottolinea che ciò riguarda solo le arance Navel e Valencia, non i mandarini né pompelmi e limoni, che non sono soggetti all'attacco di questo parassita.

Larve di Falsa Cydia, originaria del Sudafrica, sotto stretto controllo nelle zone di produzione agrumicola.

"Stiamo intensificando le nostre misure di sicurezza per migliorare la nostra conformità e stiamo agendo in maniera proattiva. La Falsa Cydia è presente in tutto il Sudafrica, ma noi teniamo sotto controllo la popolazione attraverso il metodo di interruzione dell'accoppiamento di Xsit, gli spray virali e le pratiche nei frutteti. Riusciamo a contrastare il parassita il 99,5% delle volte e, se si osservano i volumi d'esportazione di questa stagione - calcolati a 9,6 miliardi di pezzi, si tratta di un traguardo incredibile".

In ogni caso la stagione delle arance si è conclusa. A metà settembre il CGA sospenderà volontariamente le esportazioni di arance in Unione europea, per via di un rischio più elevato legato alla macchia nera sulle arance Valencia Late.


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto