Avvisi





Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Hannes de Waal - Sundays River Citrus Company

I grattacapi dell'industria argentina dei limoni visti da un operatore sudafricano

E' stato un inizio molto difficile per la campagna dei limoni e il mercato mediorientale sta lottando per recuperare, dopo l'eccesso di offerta di inizio stagione. Il commercio delle arance Valencia, invece, è in ottima forma e si prevede che, nel prossimo futuro, la domanda rimarrà forte.

Si rafforza la pressione sui mercati del mandarino tardivo nel Regno Unito e nell'UE, ed è probabilmente quanto accadrà anche in seguito, considerata la grande espansione sudafricana del settore piccoli agrumi a facile sbucciatura (soft citrus). I volumi degli analoghi prodotti raccolti nell'emisfero boreale sono inferiori rispetto allo scorso anno, a vantaggio del Sudafrica.

"In un quadro più generale sui limoni, siamo dove pensavamo di essere. I grandi volumi esercitano delle pressioni sulle quotazioni di vendita. Il mondo produce troppi limoni e per questo dovremo vedercela con un mercato in surplus di offerta", afferma Hannes de Waal della compagnia sudafricana Sundays River Citrus Company (SRCC).

In Europa, con la fine anticipata della stagione spagnola e la brusca uscita dell'Argentina, l'interesse è maggiore, ma è comunque difficile definirla una stagione eccezionale per i limoni.

Le misure anti-Covid-19 sono la preoccupazione maggiore negli impianti di confezionamento della SRCC (foto fornite dall'SRCC)

"I mercati dei limoni dovrebbero rimanere stabili: non mi aspetto un ulteriore rafforzamento, perché bisogna prima smaltire i volumi di merce argentina, prima che ciò possa accadere. Quello che ci aspettiamo è una sovrapposizione minore con l'emisfero boreale. I mercati potrebbero rimanere fermi ancora un po' di tempo”.

Hannes de Waal ha grande simpatia per l'Argentina, la cui situazione economica dovrebbe fungere da monito per il Sudafrica. "L'Argentina è in guai seri e la sua situazione economica dovrebbe essere da lezione per il Sudafrica. I loro costi di produzione sono elevati, a livelli insostenibili. I bassissimi limiti di legge sui residui ammessi nell'industria del trasformato sono la causa di questa situazione complicata per gli agricoltori. Le imprese si trovano in una situazione molto difficile".

Inoltre, la gestione della problematica della macchia nera degli agrumi (Citrus Black Spot - CBS) è molto difficile, è un campo tremendamente complesso, dice. "Hai bisogno di sostanze chimiche per contrastare questo problema, ma l'olio essenziale di agrumi, che è eccezionalmente sensibile ai residui chimici, potrebbe risultare invendibile".

La posizione geografica più centrale del Sudafrica (rispetto all'Argentina), con distanze meno lunghe dai mercati del Medio Oriente, nonché una struttura complessiva che richiede meno costi, consentono al Paese di assorbire l'enorme impegno richiesto dalla gestione del CBS.

"L'Argentina, in questa stagione, sta pagando il prezzo della politica europea contro la possibile diffusione della macchia nera degli agrumi, questione che grava pesantemente anche su Sudafrica e Argentina. E tutto questo solo per dei danni esteriori, che si presentano sulla buccia del frutto", afferma Hannes, tra i fautori della linea da tempo sostenuta dall'industria agrumicola sudafricana, e cioè che la malattia non possa attecchire nel clima mediterraneo.

Distanziamento sociale nell'impianto di confezionamento

Nel complesso, come dice Hannes de Waal, la situazione sembrerebbe positiva, per il resto dell'anno.

Il Covid-19 ha lasciato il segno nella Sundays River Valley in generale e presso la SRCC in particolare, dove hanno perso alcuni membri dello staff. In un impianto di confezionamento, inoltre, hanno perso quattro giorni a causa di un caso positivo al virus.

Per questo motivo, la consapevolezza della malattia e della sua trasmissione è molto alta tra il personale, che si è dimostrato pienamente collaborativo.

"La mia gente è riuscita a gestire la situazione davvero bene, devo dire. Ho riunito alcuni dei nostri giovani e intelligenti ingegneri e ho detto loro: lasciate gli altri doveri ed elaborate un piano Covid-19 per noi".

"Chi può lavorare da casa, continuerà a farlo. Funziona molto bene. I nostri costi sono alle stelle, soprattutto a causa del trasporto del personale. Secondo le norme del lockdown, gli autobus possono essere riempiti solo con una capacità del 50%. Il trasporto in autobus è molto importante per i lavoratori dei nostri impianti e delle nostre fattorie".

La procedura adottata per il Covid-19 in uno dei magazzini della SRCC è stata confermata come eccellente dagli ispettori del Dipartimento del Lavoro in visita.

"L'economia è stata profondamente danneggiata, dice Hannes, ma il porto di Port Elizabeth finora sta subendo interruzioni minime nelle operazioni. Ogni giorno affrontiamo una grande quantità di problematiche, ma ce ne stiamo occupando".

Per maggiori informazioni:
Hannes de Waal
Sundays River Citrus Company
Tel: +27 42 233 0320
Email: srcc@srcc.co.za
https://www.srcc.co.za/


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto