Avvisi







Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Tra maggio e giugno 2020

Intercettate in Ue 39 spedizioni di limoni argentini con parassiti

La spagnola UNIÓ de Llauradors ha dichiarato che una delle principali minacce per gli agrumicoltori della Comunità valenciana sono stati i parassiti e ha ricordato che, a maggio e giugno, nei porti europei sono state intercettate 39 spedizioni di limoni argentini, con presenza di macchia nera (Citrus Black Spot) o cancro batterico degli agrumi.

Secondo Europhyt - il sistema di notifica dell'Unione Europea per le intercettazioni fitosanitarie - sono state 33 le spedizioni di limoni argentini trovate con Phyllosticta citricarpa (1 a maggio e 32 a giugno), 2 quelle con Xanthomonas (a giugno) e una in cui è stato rilevato il fungo Elsinë. Vale la pena notare anche che sono stati rifiutati 3 lotti di agrumi dal Sudafrica a causa della presenza diThaumatotibia leucorrhea.

Nei primi sei mesi del 2020 le intercettazioni di spedizioni argentine sono state dell'86% più alte rispetto a tutto il 2019. I soli ritrovamenti di Citrus Black Spot si sono rivelati del 91% più alti rispetto a tutto il 2019. Nel frattempo le intercettazioni di spedizioni sudafricane sono già del 91% più alte rispetto al 2019 anche se le importazioni da questa origine sono appena cominciate e alla fine dell'anno mancano ancora 6 mesi.

Nel primo semestre 2020, le autorità hanno già intercettato lo stesso numero di spedizioni con Xanthomonas di tutto l'anno scorso e hanno rifiutato il 300% in più di spedizioni con presenza di Thaumatotibia rispetto al 2019.

Secondo LA UNIÓ questi nuovi ritrovamenti rivelano "la grave minaccia e l'evidente rischio di diffusione e contaminazione di fitopatie da quarantena molto gravi, come la macchia nera o il cancro batterico degli agrumi che non sono ancora presenti in Ue e che sarebbero letali per l'agrumicoltura spagnola. Pertanto, prima di firmare qualsiasi accordo commerciale l'Ue deve valutare tutti gli effetti che potrebbero ricadere sugli agricoltori europei, stabilire rigorosi meccanismi di controllo al confine e proibire l'ingresso di qualsiasi referenza che non sia stata prodotta in ottemperanza delle stesse normative che l'Ue richiede per le proprie produzioni ".

Per maggiori informazioni: launio.org


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto