Avvisi









Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

La testimonianza di Jesús Abenza, direttore commerciale di Alimer

Al migliorare del clima ci sara' meno pressione sulle vendite di anguria

La raccolta di anguria spagnola da campo aperto è in pieno svolgimento, in varie aree di produzione. Il clima freddo e piovoso in gran parte dell'Europa centrale e settentrionale sta mantenendo bassa la domanda e il settore è influenzato, in misura più limitata, dalla perdita di una grossa porzione del canale Horeca.

Alimer, la più grande cooperativa agricola della regione di Murcia, è attualmente impegnata nella campagna delle angurie. Con aziende agricole dislocate in tutta la Murcia, la cooperativa spera di produrre circa 58.000 tonnellate di angurie quest'anno. Da maggio a settembre, questa cooperativa con sede a Lorca, fornisce i mercati di tutta Europa con diverse varietà coltivate in pieno campo, sia nel segmento convenzionale sia in quello biologico, adattando la sua produzione alle nuove tendenze dei consumatori.

"La qualità del frutto di quest'anno è straordinaria. Tuttavia, abbiamo a che fare con una scarsa domanda, probabilmente conseguenza dell'attuale clima in Europa. Le condizioni meteo sono un fattore molto importante nel consumo di anguria. Le previsioni indicano che miglioreranno, ma la verità è che finora il clima è stato tutt'altro che ideale a luglio", afferma Jesús Abenza, direttore commerciale della Alimer.

Nonostante quest'anno in Spagna si preveda una riduzione degli areali dedicati ad angurie del 10%, il direttore commerciale della cooperativa dice che Murcia non ha registrato un calo considerevole. "La superficie è rimasta stabile nella Regione. Volume ed ettari saranno simili a quelli della stagione precedente. Tuttavia, è cambiato il modo in cui il frutto viene coltivato o viene commercializzato. E' sempre più programmato e c'è sempre meno produzione proveniente da singoli produttori che non hanno il supporto di una società commerciale".

"Anni fa, la Alimer ha capito che era necessario fornire un servizio globale agli acquirenti di angurie. Probabilmente siamo il primo produttore di angurie gialle, con un raccolto di circa 3.000 tonnellate. Coltiviamo anche mini angurie senza semi e mini angurie con micro semi, che forniscono tra le 8.000 e le 9.000 tonnellate ogni stagione. Inoltre, produciamo circa 4.500 tonnellate di angurie biologiche. Il resto del volume corrisponde alle varietà bianche e nere".

Abenza sottolinea che le tempeste che hanno colpito il Levante in primavera hanno avuto un impatto limitato sul volume del raccolto della cooperativa.

Uno degli impegni più importanti della Alimer è stato quello di avere una produzione biologica di questo frutto estivo, che commercializza anche le varietà senza semi e mini. "Questa è la quinta stagione che lavoriamo con le angurie biologiche. Siamo molto soddisfatti ma siamo anche limitati, poiché la quantità di terreni disponibili è scarsa", afferma il direttore commerciale.

Le angurie, proprio come altri prodotti ortofrutticoli, sono state colpite dall'impatto della pandemia. Secondo Abenza, le vendite nazionali nei supermercati sono diminuite a causa del minor numero di offerte promozionali. Anche i grandi canali di vendita tradizionali, come il settore Horeca e i mercati rionali, sono rimasti chiusi e stanno appena iniziando a riprendere le loro attività.

"Voglio essere ottimista e mi aspetto che quando il clima migliorerà, la domanda aumenterà di conseguenza e ci sarà una minore pressione sulle vendite di angurie", conclude Jesús Abenza.

Per maggiori informazioni
Jesús Abenza
Alimer S.Coop.
Camino de Villaespesa, s/n. Lorca, Spagna
Tel.: +34 968 460 812
Email: j.abenza@alimer.es
Web: www.alimer.es


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto