Picchi mai visti per le esportazioni della Holland Onion

"Quest’anno è stato caratterizzato ancora una volta da una stagione importante, per le cipolle olandesi", secondo la Holland Onion Association che, nella sua newsletter, osserva: "Alla fine della settimana 24, i dati sulle esportazioni si sono attestati su oltre 1,15 milioni di tonnellate, superando la stagione record 2017/18, e nonostante i problemi logistici verso le destinazioni lontane".

"I dati della seconda metà dell'anno mostrano una crescita significativa nelle nazioni confinanti con i Paesi Bassi. La crisi del coronavirus è stata in parte responsabile di questa espansione. Nella seconda metà della stagione, abbiamo visto una domanda considerevolmente più alta da parte dei Paesi europei limitrofi. Si sono effettuate consegne urgenti, soprattutto per i supermercati. Questo è stato dovuto alla corsa all'accaparramento di generi alimentari da parte dei consumatori. Si è cucinato di più in casa e, in particolare, si è fatta scorta di grandi quantità di cipolle".

"Alcuni operatori, in particolare nell'Europa orientale, si sono fermati. La domanda si è quindi spostata verso gli stabilimenti olandesi. E la Croazia ha avuto un ruolo importante, perché ha importato non meno di 2,6 milioni di kg di cipolle, mentre nella stagione record 2017/18, la quantità delle esportazioni per la Croazia era stata pari a zero. Lo stesso vale per il Kosovo: ha importato 2,1 milioni di kg di cipolle olandesi. Anche Polonia, Moldavia e Montenegro si sono rivolti a noi".

"Le esportazioni in India e nei Paesi vicini sono continuate per un po' di tempo, nella seconda metà dell'anno. L'India di solito è dominante in quella regione. Improvvisamente, questo Paese ha occupato la 129ma posizione nella lista dei volumi delle esportazioni della Holland Onion. Insieme a Bangladesh, Sri-Lanka e altri Paesi circostanti, l'India ha assorbito ben 50 milioni di kg, in questa stagione".

"Questo record storico per le cipolle olandesi sul mercato indiano si deve all'andamento fallimentare della produzione in India, a causa di problemi climatici. Ciò non fa che rafforzare il fatto che le cipolle olandesi sono un importante prodotto, quando si tratta di colmare un gap nelle scorte alimentari. Anche il secondo più grande produttore di cipolle al mondo - e forte concorrente, solitamente, per i Paesi Bassi nell'esportazione - può trovarsi a dipendere improvvisamente dalle cipolle olandesi".

"Ci sono stati diversi cambiamenti nella top 20 delle principali destinazioni di esportazione. Il Brasile, per esempio, è tornato nella top 10 e, attualmente, figura al settimo posto. Anche in questo caso, le condizioni meteo estreme hanno provocato un improvviso aumento della domanda. Haiti e Indonesia sono scesi al di sotto delle prime venti destinazioni. La Malesia è tornata alla quarta posizione. Stanno ritirando i loro soliti volumi d’esportazione. Il Re e la Regina dei Paesi Bassi si sono recentemente recati in visita ufficiale in Indonesia. La cipolla olandese è stata la questione all'ordine del giorno, ed è stata anche resa nuovamente possibile un'apertura alle importazioni di cipolle olandesi".

"In questa stagione, la domanda proveniente dai Paesi lontani, in realtà è rimasta più o meno la stessa. La pandemia non ha avuto alcun impatto diretto qui, nei Paesi Bassi. A livello di catena di fornitura delle cipolle olandesi, il coronavirus si è fatto sentire maggiormente all'inizio della nuova stagione di esportazione. Dobbiamo affrontare il fatto che il flusso di dollari si sta esaurendo ovunque. Questo perché molti uffici di cambio sono chiusi. Inoltre, la Cina è entrata in lockdown a metà gennaio".

"Questo significa che il numero di container disponibili (refrigerati) è diminuito drasticamente. E' stato difficile ottenerne un numero sufficiente e ciò ha comportato un aumento dei costi logistici che, a sua volta, ha portato a un prezzo più elevato delle cipolle. Alla fine, questo aumento delle quotazioni ha frenato le richieste d’esportazione. C’è stata anche una disponibilità limitata di cipolle di qualità, idonee all'export. Quindi, il mercato si è bloccato. Ora tutti sono concentrati sulla nuova stagione ".

Fonte:Holland-Onions 


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto