Francisco Rotella, direttore commerciale della Citrusvil

La maculatura nera degli agrumi getta un'ombra sulle future campagne argentine dei limoni in Europa

Dal primo luglio 2020, è entrato in vigore il blocco delle esportazioni argentine di limoni freschi in Europa, a seguito di diversi rilevamenti di maculatura nera (Citrus Black Spot - CBS) su alcune spedizioni, all'arrivo nei porti europei.

"Nelle ultime due settimane, il numero di rilevamenti di CBS è salito alle stelle, quindi riteniamo che questa sia stata una misura corretta e necessaria. Come settore, dobbiamo individuare dove si è sviluppato il problema, e risolverlo. Siamo preoccupati per quanto accaduto in questa campagna, ma siamo ancora più preoccupati per quello che potrà accadere in futuro. Ecco perché penso che l'Argentina dovrebbe presto rivedere il protocollo d’esportazione dei suoi limoni in Europa. E' chiaro che questa situazione porterà cambiamenti e adeguamenti nelle campagne future", dice Francisco Rotella, direttore commerciale dell’azienda argentina di produzione e commercio di limoni, Citrusvil.

"Avevamo programmato di esportare i nostri limoni fino al 15-20 luglio, ma con questo abbiamo praticamente messo fine a una campagna già in partenza deludente", afferma Rotella. "Considerando che ci sono ancora circa 50.000 tonnellate di limoni argentini in mare, in viaggio verso l'Europa, tutte le spedizioni effettuate dopo questo stop saranno irrilevanti", ha detto Rotella.

Secondo il direttore commerciale di questa società con sede a Tucumán, la campagna era iniziata con grande ottimismo, tra gli esportatori argentini, ma si è conclusa presto ed è stata molto deludente.

"Abbiamo visto aumentare la domanda di limoni, perché i consumatori richiedevano fonti di vitamina C. In realtà, sembrava che la Spagna avesse problemi a soddisfare i suoi ordini. Inoltre, al fine di evitare possibili blocchi alle frontiere, a causa della pandemia, e maggiori complicazioni nelle attività produttive, la raccolta in Argentina è iniziata con 5 - 6 settimane d'anticipo, rispetto alla stagione precedente. Questa campagna si è sviluppata sin dall'inizio a un ritmo frenetico. Vale anche la pena notare che quest'anno abbiamo avuto un clima molto caldo, senza precipitazioni, e che ciò ha accelerato la raccolta".

Il mercato dei limoni è irto di difficoltà, in questo momento. "La verità è che, sin dall'inizio della campagna, i nostri limoni hanno dovuto far fronte alla forte concorrenza del Sudafrica, che quest'anno ha spedito volumi molto più abbondanti in Europa, cercando di espandere la sua quota di mercato. La Spagna aveva una raccolta di limoni Verna più limitata e questo ha contribuito a evitare che la nostra situazione peggiorasse ulteriormente, ma i prezzi sono scesi e continuano a rimanere su livelli molto bassi. Prima che le spedizioni in Europa cessassero, ci aspettavamo che la situazione migliorasse ad agosto, quando si sarebbe verificato un maggiore gap nel mercato... ma ora non potrà più essere così", dice Francisco Rotella.

Per quanto riguarda il possibile collocamento alternativo della produzione di limoni che non verrà spedita in Europa durante questo periodo di blocco delle esportazioni, il direttore commerciale della Citrusvil ha dichiarato di preferire non saturare i mercati al di fuori dell'UE. "Esportiamo anche in Paesi come la Russia e l'Ucraina, ma non vogliamo operare in maniera sconsiderata, spedendo più di quanto possano assorbire e causando il crollo pure su quei mercati. Manterremo la stessa strategia, organizzando le spedizioni di concerto con tutte le aziende che fanno parte della compagine argentina All Lemon, che rappresenta la grande maggioranza del settore limonicolo del paese".

Delle 300.000 tonnellate che l'Argentina aveva pianificato di esportare in questa campagna, alla fine verranno spedite un massimo di circa 200.000 tonnellate. "Questo chiarisce ancora meglio quanto sia stata difficile questa stagione e le perdite significative che sono state causate dalla crisi pandemica, che ha allungato i tempi del confezionamento, per non parlare dei rilevamenti di CBS nei carichi. Questa è sicuramente una campagna che ci servirà per ripensare sul futuro del settore".

Per maggiori informazioni:
Francisco Rotella
Citrusvil S.A
T: +54 381 4515 500 
frotella@citrusvil.com.ar
citrusvil.com.ar


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto